Le Marche al Vinitaly, nella seconda giornata spazio alla regione al plurale

Momento centrale della giornata è risulta la presentazione della monografia dedicata alle Marche, curata da Valoreitalia

Prosegue, con successo di pubblico, la partecipazione della Regione Marche al Vinitaly di Verona. Un denso calendario di eventi, promossi nello stand istituzionale, sta calamitando l’attenzione su una realtà “al plurale” anche nel settore enologico. Sono continuati i festeggiamenti per i 50 anni della Doc del Bianchello del Metauro, con un convegno e una degustazione di dodici etichette. La Banca del Piceno ha conferito il premio “Talenti e Imprese” all’azienda vitivinicola Ciù Ciù di Offida (AP), mentre la Copagri (Confederazione produttori agricoli) ha proposto l’esperienza di due aziende del territorio, in un evento titolato “Raccontiamo la nostra storia”: l’azienda Bastianelli Francesco di Monte San Pietrangeli (FM) e l’azienda Boccafosca di Ostra (AN).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Momento centrale della giornata è risulta la presentazione della monografia dedicata alle Marche, curata da Valoreitalia: società autorizzata dal ministero Politiche agricole per il controllo e la certificazione dei vini a denominazione d’origine e Indicazione geografica. La vicepresidente della Regione ha partecipato ai vari appuntamenti sottolineando l’importanza di rafforzare la filiera tra produttori, consumatori e istituzioni per affermare l’identità dei vini marchigiani. Le Marche hanno conseguito, nel tempo, risultati che hanno veicolato, sul mercato, un’immagine di qualità e sostenibilità ambientale. Rappresentano certamente un caso emblematico, in quanto l’affermazione delle denominazioni costituisce il risultato finale di un lungo lavoro che ha valorizzato vitigni autoctoni, di antica tradizione, che raccontano una storia. Altro elemento caratterizzante il successo della vitivinicoltura marchigiana è l’evoluzione della struttura imprenditoriale enologica, costruita attorno a imprese di piccole dimensioni, molte delle quali cooperative, spesso con a capo un giovane, che completano in azienda il ciclo produttivo (vinificazione e commercializzazione). Domani lo stand istituzionale ospiterà altri appuntamenti, fra i quali una tavola rotonda tra le donne del vino. La vicepresidente evidenziato che, tra i nuovi protagonisti della viticoltura marchigiana, spiccano le imprenditrici femminili: con la loro sensibilità accompagnano la crescita del settore e raggiungono già una quota del 30 per cento, di cui il 25 per cento di età inferiore a 50 anni, grazie al forte ricambio generazionale avvenuto negli anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Coronavirus avanza, chiudono le scuole superiori nelle Marche: ordinanza di Acquaroli

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Nuovo Dpcm, chiusure delle attività commerciali per evitare il lockdown

  • Coronavirus nella scuola primaria, vanno in quarantena sette classi su nove

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento