Vigili del Fuoco al Sanzio, il comandante provinciale: «Non si muovono da lì»

Presa di posizione di peso che fuga i timori sull'abbandono della squadra a servizio della Bassa Vallesina. Intanto Lodolini (Pd) dà una stoccata alla Vezzali: «Alimenta allarmismi»

«Il presidio dei vigili del fuoco resterà a Falconara». A parlare è Giovanni Di Iorio, il comandante del corpo per la Provincia di Ancona. Parole che pesano perché arrivano da chi è deputato al dispositivo di soccorso a livello provinciale. E che riportano chiarezza attorno a una vicenda che stava mettendo non poca apprensione nel territorio. Tanto da innescare un'azione politica dei consiglieri comunali dei Comuni della Bassa Vallesina (Falconara, Chiaravalle, Montemarciano e Monte San Vito) e tanto di interrogazione parlamentare da parte dell'onorevole Valentina Vezzali. «Vero che Falconara è nata per i lavori di ristrutturazione del Comando di Ancona, vero che ci sono dei problemi, risolvibili, per l'entrata e l'uscita dei mezzi per le regole di sicurezza in ambito aeroportuale ma con questo trasferimento abbiamo ridotto i tempi di intervento. Sarebbe stupido tornare indietro – sbotta Di Iorio – e mi stupisco di come questi politici non mi abbiano interpellato prima di muoversi con mozioni e interrogazioni. Sarebbe stata buona educazione chiamarmi, visto che i dispositivi di soccorso dipendono da me. Se poi sopra la mia testa si deciderà altro, non lo so. Per quanto mi riguarda, anche a lavori ad Ancona terminati, la partenza di Falconara resterà». Posizione confermata anche dall'onorevole dem Emanuele Lodolini. «Mi sono subito messo in contatto con Di Iorio che mi ha smentito la notizia di un abbandono di Falconara da parte dei vigili del fuoco – spiega il democrat – il distaccamento al Sanzio è strategico. Per tutto quanto potrà dipendere da me e da lui il presidio di Falconara non si tocca. Aggiungo. Penso che l'amministrazione comunale avrebbe dovuto valorizzare più e meglio in questi anni l'importante ruolo del distaccamento. Penso che la collega Valentina Vezzali prima di depositare un'interrogazione parlamentare avrebbe potuto approfondire meglio, come ho fatto io e non alimentare allarmismi».

Ma da dove nasce il timore di una chiusura di Falconara? Intanto, per evitare confusione, occorre precisare che non si parla dei pompieri a servizio del traffico dell'aeroscalo. Finché c'è traffico su ala, quelli restano. Il tema è quello della cosiddetta "seconda partenza" di Ancona, oggi ospitata al Sanzio. Servizi esterni. L'incidente stradale, l'incendio, il cornicione pericolante. Nel 2012, in previsione dei lavori nel capoluogo dorico, l'ex comandante provinciale Claudio Manzella avanzò la proposta Falconara per ovviare ai lavori di ristrutturazione del Comando Provinciale di Vallemiano. Nel documento istruttorio si parlava di partenza terrestre "temporanea". A tempo. Ergo, finché non finiscono i lavori. Altri documenti riportano il termine "sperimentale". L'arrivo di Di Iorio, al posto di Manzella, risale a fine 2014. Un anno dopo – agosto 2015 – inizia il trasloco di uomini e mezzi dal capoluogo al Sanzio. Circa due settimane prima dell'inizio dei lavori al Comando (settembre 2015). Insomma, anche se ancora manca il nero su bianco – ed è proprio questa assenza ad alimentare i timori - quella di Di Iorio è un considerevole elemento di novità. «Il capoluogo regionale ha un minimo di 12 unità – aggiunge il dirigente – che è il dispositivo previsto per le città con 100mila abitanti». In parole povere: può restare così. Manca l'ufficialità ma, almeno, l'impegno c'è.  Si vedrà. I Comuni stanno con le orecchie ben tese. Nel frattempo Di Iorio è alle prese anche con la caserma di Arcevia. Entro la fine dell'anno i vigili del fuoco dovrebbero andare a occupare l'ex caserma della Forestale, adattata alle nuove esigenze. «Ho sollecitato il Ministero – conclude Di Iorio – che manderà i propri tecnici per vedere i lavori che ci sono da fare. Intanto è già stato occupato un appartamento. Il tutto sarà a costo zero. Mentre Falconara non è un problema, Arcevia per me è una priorità».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • «Tutto esaurito, clienti felici e niente multa»: chef Luana fa il sold out e stasera si replica

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

Torna su
AnconaToday è in caricamento