Cronaca

Vigili assenteisti, premio produttività grazie agli straordinari fittizi

Tra gli indagati ci sarebbe pure chi, non solo avrebbe approfittato per gonfiarsi lo stipendio, ma, proprio grazie a questo, avrebbe usufruito di un ulteriore bonus per l'impegno nel servizio

Tra i presunti vigili assenteisti c'è anche una divisa che di recente aveva ricevuto il premio produttività per la validità del servizio. Possibile? Sì quando si ha la possibilità di farsi assegnare degli straordinari fittizi, risultando così tra i più attivi e volenterosi. Quando in realtà quelle ore di straordinario non sarebbero mai state fatte davvero. E’ una delle accuse mosse dal pm Paolo Gubinelli dopo la definitiva chiusura delle indagini preliminari. Dunque tra  le presunte divise infedeli ci sarebbe pure chi, non solo avrebbe approfittato per gonfiarsi lo stipendio, ma avrebbe anche usufruito di un ulteriore bonus per l’impegno nel servizio. 

Alla base di tutto questo la cosa più basilare: il reciproco smarcamento del cartellino. Tu lo smarchi a me stamattina e io ti do una mano per la serata. Era questo il senso che, per mesi, avrebbe legato in particolare M. M. e A. T. Un’“alleanza” in nome della quale l’ufficiale, nonostante fosse infortunato, la scorsa estate, sarebbe andato comunque al comando per passare il badge dell’amico agente semplice. Sempre secondo gli investigatori, c’erano anche gli assenteisti solitari, come il tenente che, a settembre 2014, entrava, timbrava, poi dopo poco usciva, fino ad accumulare 7 giorni di assenza su 22. O come il capitano che ne avrebbe saltati 3 su 10.

Intanto ci sono già stati i primi trasferimenti, proprio alla luce dell'inchiesta della magistratura anconetana. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vigili assenteisti, premio produttività grazie agli straordinari fittizi

AnconaToday è in caricamento