Cronaca

«Vigili spiati a loro insaputa», scarafaggi e niente bagni in sede: la denuncia del sindacato

L'UGL ha segnalato al Garante della Privacy l'anomalia rilevata nella sede del comando della Polizia Municipale. Non è però l'unico problema rilevato dal sindacato

Foto di repertorio

Un impianto di videosorveglianza all’interno della sede della Polizia Municipale di Ancona. Tutto regolare? No, secondo l’UGL, che denuncia la presenza del sistema di ripresa senza la presenza di un avviso specifico. Il sindacato ha già fatto sapere di aver inoltrato l’informazione al Garante della Privacy: “che chiederà anche contezza della presenza o meno delle autorizzazioni necessarie per l’impiego dello strumento”. Strumento, spiega l’UGL: “il quale potrebbe essere usato anche per controllare i lavoratori contravvenendo a quanto disposto dall’art. 4 della legge 300/70”. 

Il sistema è installato e regolarmente segnalato anche nel nuovo presidio di piazza Ugo Bassi, ma il sindacato rileva un’altra anomalia. Il fatto, cioè, che le registrazioni del sistema vengono poi visionate non dalle forze dell’ordine ma dalla Conerobus. Nella sede, il sindacato denuncia anche condizioni igienico-sanitarie precarie, con la presenza di scarafaggi e la mancanza di servizi igienici. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Vigili spiati a loro insaputa», scarafaggi e niente bagni in sede: la denuncia del sindacato

AnconaToday è in caricamento