Lunedì, 2 Agosto 2021
Cronaca Borgo Rodi / Via Redipuglia

Strada chiusa, vento forte e burocrazia rallentano i lavori: «Ma ormai ci siamo»

L'assessore Stefano Foresi replica ai residenti di via Redipuglia e li tranquillizza: la messa in sicurezza e la riapertura della via potrebbe essere questione di ore

La chiusura in via Redipuglia

ANCONA - «Sto facendo tutto per iniziare lavori già domani, non sarà un intervento lungo ma per due giorni non abbiamo potuto lavorare sulle vetrate per via del vento forte che impediva ai tecnici di arrivare al quinto piano con il cestello. Inoltre i lavori vanno assegnati con una procedura ben precisa che è in fase di ultimazione». L’assessore comunale alle manutenzioni e alla sicurezza, Stefano Foresi, tranquillizza i residenti di via Redipuglia. La strada è stata parzialmente interrotta da alcuni giorni dopo i danni che il vento ha causato ai vetri di un palazzo che ospita un asilo (GUARDA IL VIDEO).

La riapertura dei 100 metri chiusi al traffico è subordinata alla messa in sicurezza delle vetrate, così come chiesto dai Vigili del Fuoco durante il sopralluogo: «Contiamo di iniziare i lavori già domani (martedì 11 febbraio), toglieremo i vetri danneggiati dal vento e poi interverremo sul balcone con una ringhiera. Entro la serata potremmo aver già finito tutto, l’importante è iniziare. I soldi li abbiamo trovati quasi subito, il problema- spiega Foresi- è che per affidare i lavori c’è una procedura ben precisa, dobbiamo fare un certo tipo di pratiche e poi si assegna l’intervento. I tecnici stanno ultimando questa fase, speriamo che presto sia tutto a posto». L’assessore ha anche voluto ringraziare i residenti per la pazienza: «Dispiace per il disagio e ringrazio chi vive là per averlo sopportato, ma non è colpa di nessuno e non potevamo fare diversamente perché c’erano delle direttive ben precise dei vigili del fuoco». 
 

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strada chiusa, vento forte e burocrazia rallentano i lavori: «Ma ormai ci siamo»

AnconaToday è in caricamento