Mercoledì, 29 Settembre 2021
Cronaca Rione degli archi / Via Guglielmo Marconi

«Restyling sì, ma non si tiene un cantiere fermo in questo degrado»

Alcuni esercenti di via Marconi: «C'è stato un imprevisto nei lavori, lo capiamo e non colpevolizziamo nessuno. Il nostro è un grido d'aiuto»

Il camminamento si interrompe senza alcun preavviso e i pedoni diretti in zona stazione devono tornare indietro per bypassare il blocco passando a margine della carreggiata. E’ solo una delle situazioni create da una porzione di cantiere lungo via Marconi, dove da diverse settimane campeggia anche un albero caduto e lasciato lì. L’area transennata e in stand-by da marzo viene usata anche come discarica da incivili che gettano immondizia tra le grate, alla faccia del decoro del marciapiede. Un locale è costretto nelle ore serali a usare una porzione di tratto pedonale per far sedere i clienti su delle panche: a causa delle transenne non ha infatti spazio per allestire un dehor degno di tale nome e servire all’esterno. Pamela Conti gestisce la scuola di lingue “InLingua” e si è fatta portavoce di diversi esercenti: «Ci teniamo a precisare che noi questi lavori di restyling li vogliamo, ben vengano- spiega- io stessa ho investito risorse personali qui perché credevo e credo nelle potenzialità degli Archi specialmente dopo la riqualificazione, ma chiediamo un aiuto perché i disagi si sentono». (GUARDA IL VIDEO) 

«Da marzo c’è una situazione di stallo- racconta Pamela- il percorso pedonale è bloccato e le persone che arrivano dal porto trovano la pedana interrotta. I titolari del ristorante si sono attrezzati con panche e tavolinetti rimediati, così riescono più o meno a lavorare. Il punto è che vanno a intralciare l’ingresso delle altre attività, io stessa mi ritrovo persone che mangiano e bevono davanti al mio istituto». I lavori, spiega la donna, sarebbero stati sospesi a causa del ritrovamento di alcune cisterne, appartenute a un’area di servizio che ora non c’è più, sulle quali erano in corso dei controlli. Quello che Pamela chiede a nome di tutti «è un aiuto, una pulizia o una diversa definizione dell’area dei lavori. Hanno transennato tutta la via quando potevano benissimo chiudere a tratti in base all’avanzamento del cantiere». La sua scuola, da ottobre, riprenderà i corsi in presenza: «La gente deve parcheggiare a distanza, poi si ritrova a dover camminare in mezzo alla strada, arrivare in fondo e tornare indietro per entrare nel mio istituto. Questo è anche un problema di sicurezza. Capiamo tutti che gli imprevisti possono esserci, si chiamano così perché non sono preventivabili, ma il Comune deve imparare a gestire l’imprevisto stesso. Nessuna polemica e nessuna colpa, ma se il cantiere è fermo va modificato in modo da permettere alle attività di riprendere la propria attività lavorativa». 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Restyling sì, ma non si tiene un cantiere fermo in questo degrado»

AnconaToday è in caricamento