Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca

Vertice italo-serbo in Regione: città blindata e rebus viabilità

Città blindata e viabilità stravolta per il terzo vertice italo serbo, che si tiene a Palazzo Leopardi, sede della Regione Marche, a partire dalle 10 del mattino di oggi. Organizzato anche "contro-vertice"

Città blindata e viabilità stravolta per il terzo vertice italo serbo, che si tiene a Palazzo Leopardi, sede della Regione Marche, a partire dalle 10 del mattino di oggi.
Presenti al vertice i capi del Governo di Italia e Serbia Enrico Letta e Ivica Dadic, e quattordici ministri. Per l’Italia Angelino Alfano (Interno), Emma Bonino (Esteri), Anna Maria Cancellieri (Giustizia), Mario Mauro (Difesa), Flavio Zanonato (Sviluppo Economico), Maurizio Lupi (Infrastrutture) e Maria Chiara Carrozza (Istruzione) e tutti i loro omologhi serbi.
Il vertice servirà da un lato a stringere rapporti considerati “strategici” con il governo di Belgrado (l'Italia è infatti il primo investitore estero in Serbia, con 500 imprese) , e dall’altro a favorire l’ingresso del vicino balcanico nell’UE. Gli incontri inizieranno alle 10 e si concluderanno alle 12, per terminare con una conferenza stampa dei due premier.
I ministri ripartiranno per Roma alle 14 e 30.

MODIFICHE ALLA VIABILITA’: LEGGI TUTTO

IL “CONTROVERTICE”.  In occasione del vertice Italia-Serbia, varie sigle, formazioni politiche e associazioni hanno annunciato che daranno vita nel capoluogo ad un “controvertice”.
“Non possiamo lasciarci sfuggire l'occasione di manifestare l'enorme disagio sociale in cui versa il nostro Paese a causa delle politiche d'austerity imposte dall'Europa” si legge nel comunicato diffuso, "Vogliamo conquistarci lo spazio per costruire una nostra alternativa alle decisioni che pochi s’arrogano il diritto di prendere dentro quei luoghi che anziché essere preposti all’esercizio della democrazia, diventano zone rosse dove si affermano i diktat delle politiche economiche responsabili della crisi.”
I partecipanti si raduneranno  alle 12.30 al parcheggio degli Archi e muoveranno verso  la Regione, motivo per cui la Polizia ritiene potranno verificarsi problemi alla viabilità anche in zona Archi e Piano.
Alla manifestazione hanno aderito: Centri sociali delle Marche, Ambasciata dei Diritti Marche, Ya Basta! Marche, Laboratorio sociale, Progetto Ancona Bene Comune, Comitato Acqua Bene Comune provincia d’Ancona, SEL, PdCI, Gruppo Anarchico Malatesta, FAI, USI-AIT, La Cupa Spazio Autogestito, Unione inquilini Marche, Associazione consumatori utenti Marche, Associazione AFAA, ISF Ingegneri senza frontiere Ancona, Sindacato Unione Inquilini, Ass. Consumatori Utenti, CUB Marche, Libera contro le mafie - Presidio di Jesi, Comitato Regionale Marche, Comitato Provinciale di Ancona CSP Partito Comunista, Associazione Senegalese Diappo, Associazione A20 – Ancona.

FORZA NUOVA. Anche i militanti del movimento di destra che fa riferimento a Roberto Fiore sono in presidio davanti al palazzo del Comune di Ancona, a partire dalle 9 e per tutta la mattinata. ”Con l’amento delle tasse e le sue folli politiche immigrazioniste Letta uccide l’Italia-si legge in una nota stampa di FN-ponendo le basi per il tracollo economico e sociale del Paese”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vertice italo-serbo in Regione: città blindata e rebus viabilità

AnconaToday è in caricamento