Vecchia strada di Portonovo, per i Verdi si può fare: «Via le auto dalla Baia»

L'idea degli operatori balneari di ripristinare un secondo accesso e di realizzare un nuovo parcheggio a monte trova un alleato: «Pieno sostegno a tutte le iniziative per ridurre il traffico»

La richiesta degli operatori di Portonovo di riaprire la seconda strada per la baia, rimasta attiva fino a poco prima della Seconda Guerra Mondiale, oggi abbandonata tra la boscaglia e realizzare un secondo parcheggio scambiatore a monte trova i pareri positivi dei Verdi di Ancona. «Salutiamo con grande favore le dichiarazioni degli operatori di Portonovo riguardo l’intenzione di trovare soluzioni alternative alla mobilità nella Baia – si legge in una nota - Siamo tutti consapevoli del fatto che negli ultimi anni Portonovo ha visto un crescente flusso di turisti e di auto, con conseguenti gravi problematiche ambientali; e questo carico di flussi non è più sostenibile. Anche noi Verdi da tempo stiamo cercando e analizzando varie ipotesi di riduzione del traffico e conseguentemente dell’impatto ambientale: l’obiettivo è quello di spostare le auto da valle a monte trasformando i parcheggi a valle in spazi ricreativi per i fruitori delle spiagge. A seguito dell’imminente pubblicazione del bando di gara per la realizzazione della pista ciclo-pedonale che collegherà Ancona al parcheggio a monte di Portonovo (progetto fortemente voluto dai Verdi di Ancona) siamo  fermamente convinti che sia indispensabile intervenire sul recupero della vecchia mulattiera che scendeva a Portonovo nel dopoguerra, da utilizzare come ciclo-pedonale, proprio per far sì che turisti e cittadini possano godersi la bellezza naturale di Portonovo scendendo in completa sicurezza».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«La baia di Portonovo – proseguono - deve essere liberata dalle auto, con i metodi più congrui per far sì che ciò non penalizzi il turismo e gli operatori, e di pari passo deve essere trovata una soluzione per tutte quelle persone che vogliono scendere in spiaggia a piedi, in bici o in altro modo, senza la paura di essere investite lungo il tragitto. Meno auto; possibilità di raggiungere a piedi la spiaggia in sicurezza; più collegamenti shuttle a basso impatto con il parcheggio a monte e con la città: questi punti sono fondamentali per la tutela e la valorizzazione di Portonovo, che troppo a lungo è andata avanti con un assetto di mobilità ormai superato da anni che non risponde alle esigenze attuali in ambito turistico e ambientale. Noi Verdi continueremo ad approfondire questi ed altri progetti su Portonovo con attenta valutazione dell’impatto, della fattibilità e della finanziabilità, e li sosterremo in tutte le sedi politiche ed istituzionali competenti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento