Maltempo: raffiche di vento a oltre 90 km/h, emergenza al Porto nella notte

La Superfast ha rotto gli ormeggi e ha finito per abbattersi con la prora sulla banchina adibita alla sosta delle unità vongolare, provocando l'affondamento di due unità ormeggiate e danneggiandone gravemente altre quattro

Alberi, rami, cornicioni e persiane cadute, blackout, perfino le panchine del Viale divelte. Il vento di questa notte che poco dopo la mezzanotte si è abbattuto anche sull'anconetano ha provocato molti danni, con centinaia di chiamate e moltissimi interventi dei Vigili del Fuoco, il cui bilancio è ancora provvisorio. Ma è al Porto che si sono viste le conseguenze più importanti dell'ondata di maltempo, con l'affondamento di alcune navi.

PORTO. L’emergenza è cominciata qualche minuto dopo la mezzanotte: il porto di Ancona è stato investito da fortissime raffiche di vento che hanno toccato e in alcuni momenti superato i 50 nodi. La situazione è apparsa subito critica al personale di guardia della Capitaneria di porto di Ancona: il forte vento rendeva infatti impraticabile qualsiasi operazione a terra e in mare. Negli attimi a seguire la motonave Superfast ha rotto gli ormeggi e ha finito per abbattersi con la prora sulla banchina adibita alla sosta delle unità vongolare. Il fortissimo vento rendeva però impossibile ogni manovra dei mezzi di guardia immediatamente intervenuti per il ripristino delle condizioni di sicurezza, che sul momento potevano solo arginare la situazione d’emergenza venutasi a creare.
La Capitaneria di Porto ha richiesto l’intervento di tutti i mezzi dei servizi portuali disponibili. Circa due ore dopo, a seguito di un miglioramento – ma con raffiche di vento ancora a 40 nodi – tre rimorchiatori sono riusciti con grande difficoltà a ricondurre la nave all’ormeggio presso la banchina 16.

L’abbattimento della prora della Superfast sulla banchina pescherecci ha provocato l’affondamento di due unità ormeggiate, danneggiandone gravemente altre quattro (l'affondamento dunque non ha riguardato sei unità, come inizialmente comunicato dalla Guardia Costiera). Nel frattempo i motopesca presenti al largo del porto di Ancona e in fase di rientro sono stati dirottati dalla Sala operativa della Guardia Costiera verso le banchine disponibili, essendo impraticabile il canale di accesso verso le banchine di ormeggio usuali.
Contestualmente è stata anche monitorata in via precauzionale la motonave passeggeri Fascinosa, presente al largo di Ancona e in rotta di navigazione verso il porto di Bari. L'intervento immediato degli uomini della Capitaneria e dei lavoratori portuali ha consentito di evitare conseguenze che avrebbero potuto essere ben più drammatiche.

Al momento, fa sapere la Capitaneria di Porto, non si registrano danni a persone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Sette furti, poi l'inseguimento da Polverigi ad Ancona: chi sono gli arrestati di via 25 Aprile

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Dramma nella notte, Yasmine muore a soli 20 anni: il cordoglio da tutta la città

Torna su
AnconaToday è in caricamento