Vandali in piazza, prima "scalano" l'opera d'arte e poi spaccano un vetro della caserma

Sul posto sono così arrivati i militari anconetani che hanno intimato loro di scendere per essere accompagnati in caserma

Vandali sulla statua dei rinoceronti di Trubbiani

Prima “scalano” l’opera d’arte dei Rinoceronti del maestro Trubbiani in piazza Pertini e poi, una volta fermati dai carabinieri nel Nucleo Operativo Radiomobile, hanno dato non pochi grattacapi ai militari. E’ quanto accaduto ieri sera intorno alle 23, quando alla centrale operativa del 112 è arrivata la segnalazione di 2 giovani che avevano superato il perimetro che delimita l’opera d’arte cittadina ed erano saliti sopra i due Rinoceronti. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul posto sono così arrivati i militari anconetani che hanno intimato loro di scendere per essere accompagnati in caserma (GUARDA IL VIDEO). Alla fine uno dei 2, un 27enne tunisino, è stato arrestato per danneggiamento dopo aver spaccato la finestra di una stanza della caserma dopo aver dato in escandescenze. Stamattina il giudice ha convalidato l’arresto e ha rimesso in libertà il tunisino. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio alla baia, le fiamme divorano il ristorante Spiaggia Bonetti

  • Ricercato in Italia, faceva la bella vita a Santo Domingo: preso latitante marchigiano

  • Alba di fuoco a Portonovo, ogni ipotesi aperta. Bonetti: «Una tragedia ma ripartiremo»

  • La polizia gli chiede i documenti e lui si rifiuta: «Non siete legittimati a farlo»

  • Piazza del Papa come un ring, volano anche bottiglie di vetro: tre giovani in ospedale

  • Terribile schianto in via Conca, tir perde il controllo e schiaccia un'auto

Torna su
AnconaToday è in caricamento