rotate-mobile
Cronaca Jesi

Vandali in piazza, teca distrutta e defibrillatore gettato a terra. Il Comune: «Un gesto deprecabile»

A Jesi sono una quarantina i defibrillatori attualmente presenti, situati in tutte le scuole e negli impianti sportivi, oltre che in altre strutture e spazi aperti al pubblico

JESI - Sarà ripristinato nei prossimi giorni il defibrillatore di Piazza della Repubblica (lato ascensore), la cui teca è stata vandalizzata nottetempo con il dispositivo salvavita asportato, poi abbandonato a terra pochi metri più in là ed infine recuperato dagli agenti della Polizia locale.

“Un gesto deprecabile - sottolinea l’assessore ai servizi sociali Samuele Animali - che però ci dà l’opportunità di ricordare l’importanza di queste dotazioni per la nostra città”. L’Amministrazione comunale intende sempre più rendere Jesi una città cardioprotetta, anche moltiplicando i corsi di formazione diretti sia a specifiche categorie di persone (operatori scolastici, atleti, ecc.), sia alla cittadinanza nel suo complesso. A Jesi sono una quarantina i defibrillatori attualmente presenti, situati in tutte le scuole e negli impianti sportivi, oltre che in altre strutture e spazi aperti al pubblico. In questo contesto vi è da segnalare una ulteriore implementazione con altri due dispositivi salvavita: l’uno è stato già installato al Parco del Cannocchiale grazie alla donazione della Palestra Jesi Fitness Club; l’altro sarà posizionato prossimamente in Piazza Colocci, donato dal Gruppo Ultras della Jesina in memoria di Diego Piersantelli.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vandali in piazza, teca distrutta e defibrillatore gettato a terra. Il Comune: «Un gesto deprecabile»

AnconaToday è in caricamento