Vandali allo stadio Amadio, ignoti nella notte danneggiano gli spogliatoi

Raid vandalico nella struttura sportiva di via dell'Artigianato. L'allarme è stato dato dal custode. Sopralluogo del Comune e dei carabinieri ai quali è stata fatta denuncia

Il sopralluogo e, nei riquadri, i danni all'Amadio

Porte divelte, la macchina del caffè forzata alla ricerca di soldi, devastazione. È questo il quadro che si è presentato questa mattina (martedì 2 agosto) agli occhi del custode dello stadio Amadio di via dell'Artigianato. Nella notte ignoti hanno valicato la recenzione della struttura e dopo essere penetrati negli spogliatoi si sono accaniti contro le suppellettili dei locali andando anche a forzare il distributore di caffè alla ricerca di soldi. Bottino da pochi spicci ma ingenti danni alla struttura. Svuotato anche l'estintore. Il custode, incaricato dalla Castelfrettese che ha la gestione dell'impianto, ha subito chiamato il Comune e i carabinieri del Norm di Ancona.

Sul posto, l'assessore allo Sport Clemente Rossi e dipendenti comunali dell'Ufficio Tecnico per constatare l'entità dei danneggiamenti. Non è la prima volta che l'Amadio viene preso di mira. Si contano almeno un altro paio di incursioni nei mesi scorsi ma al di là dei segni evidenti di qualche presenza notturna, i danni non erano mai stati così ingenti. Sarà la stessa Castelfrettese a formalizzare la denuncia contro ignoti ai carabinieri della Tenenza di Falconara. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • «Tutto esaurito, clienti felici e niente multa»: chef Luana fa il sold out e stasera si replica

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

Torna su
AnconaToday è in caricamento