I materassi in mezzo ai rifiuti, scoperto rifugio abusivo all'ospedale

Il servizio è avvenuto durante una serie di mirati controlli del territorio in cui la Polizia ha setacciato il territorio cittadino soprattutto nelle zone più a rischio

La polizia nei corridoi dell'ospedale

Due romeni di 38 e 59 anni, noti alle Forze dell’Ordine, sono stati denunciati per invasione di edifici. Erano le 2 della scorsa notte quando una Volante della Polizia era di patguglia nel quartiere di Torrette. Nelle vicinanze di alcune siepi gli agenti notato un anfratto dove si erano sistemati i due romeni con materassi ed effetti personali riposti tra rifiuti e sporcizia. I 2 sono stati accompagnati in questura e denunciati.

Il servizio è avvenuto durante una serie di mirati controlli del territorio in cui una quarantina di agenti delle Volanti della Questura, del Reparto Prevenzione Crimine Umbria/Marche e Unità Cinofile antidroga, hanno setacciato il territorio cittadino soprattutto nelle zone più a rischio.

I risultati dei controlli 

Una decina di posti di controllo nei quartieri Archi, Palombella, Piano San Lazzaro, Adriatico, Torrette e Baraccola, nel corso dei quali sono state identificate 351 persone, di cui 117 con vari precedenti di polizia per reati contro il patrimonio e stupefacenti e 217 stranieri, 165 Veicoli, 11 locali ed esercizi pubblici ed elevate 14 multe per mancate coperture assicurative e revisioni, uso del telefono durante la guida ed alta velocità

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

  • «Democrazia sospesa dai Dpcm, ora querele contro chi li applica: polizia e sindaci»

Torna su
AnconaToday è in caricamento