menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio (ansa)

Foto di repertorio (ansa)

Vaccino, i sindacati: «Su campagna over 80 occasione persa dalle Marche»

Le segreterie regionali di Cgil, Cisl e Uil esprimono rammarico per non essere state coinvolte dall'assessore alla Sanità delle Marche Filippo Saltamartini nella campagna di vaccinazione degli over 80

«Ancora una volta la Regione ha perso l'occasione non solo per condividere ma anche semplicemente per coinvolgere le forze sociali in un'azione cosi importante per l'intera comunità». Le segreterie regionali di Cgil, Cisl e Uil esprimono rammarico per non essere state coinvolte dall'assessore alla Sanità delle Marche Filippo Saltamartini nella campagna di vaccinazione degli over 80, per cui da oggi pomeriggio è possibile prenotarsi. I sindacati, che ribadiscono l'impegno a contribuire alla sensibilizzazione dei lavoratori, pensionati e in generale dei cittadini sulla necessità di vaccinarsi, non risparmiamo critiche al Piano vaccinale predisposto dalla Regione.

«Non tiene nelle dovute considerazioni le possibili difficoltà che molte persone anziane sole possono incontrare nell'accesso alla piattaforma e in generale nell'accesso alle necessarie informazioni- continuano- C'è poi il problema degli anziani non autosufficienti o non in grado di muoversi e di recarsi ai punti di vaccinazione senza il coinvolgimento di familiari. Aspetto acuito da una dislocazione dei punti di vaccinazione, molto più rarefatta rispetto a quanto fatto per gli screening». Rammarico viene espresso anche per il mancato coinvolgimento dei medici di medicina generale nella campagna vaccinale che partirà con le somministrazioni delle dosi il 20 febbraio. «Sarebbe necessario garantire il pieno coinvolgimento dei medici di medicina generale che sono coloro che meglio di chiunque altro conoscono le reali condizioni di salute degli over 80- concludono- C'è infine l'esigenza di istituire un tavolo di monitoraggio per seguire l'andamento della campagna vaccinale. Perchè se non si vuole che risulti solo propaganda è necessario il coinvolgimento di tutti coloro che possono e devono essere messi nelle condizioni di essere protagonisti attivi».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Ancona millenaria va in tv: la storia della "dorica" in prima serata

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento