Dà in escandescenze e spacca una vetrina a pugni, ferita una donna: entrambi in ospedale

Ha dato in escandescenze prima in strada, coinvolgendo una donna e poi anche in questura, dove era stato portato dai poliziotti intervenuti sul posto

La polizia e il 118 dopo il trasporto in ospedale dei 2 coinvolti

Ha perso la testa e ha preso a pugni la vetrata di un negozio spaccando i vetri, che sono poi finiti in faccia ad una donna, trasportata in ospedale per i controlli. Il fatto è avvenuto oggi pomeriggio intorno alle 17,15, in via Mamiani, quartiere Archi, quando un uomo di origini Ceche ha dato in escandescenze e ha preso a pugni la vetrata di un’attività commerciale. Il caso ha però voluto che proprio lì vicino ci fosse una donna, un’anconetana di 58 anni, colpita al volto dai vetri andati in frantumi. Rimasta ferita e, temendo che qualche pezzo potesse esserle finito negli occhi, ha richiesto l’intervento del 118 e la 58enne è stata trasportato al Pronto Soccorso dell’ospedale di Torrette in codice giallo.

All’ospedale in ambulanza ci è arrivato anche il ceco, non molto tempo dopo la donna perché, dopo essere stato fermato dai poliziotti della squadra Volanti, avrebbe continuato a comportarsi in maniera furiosa anche in Questura. Così è stato necessario un ricovero anche per lui, arrivato al Pronto Soccorso insieme all’automedica del 118 scortato da 3 pattuglie della polizia. Non è in gravi condizioni e sta bene anche la donna, già dimessa e che, alla fine, ha riportato solo un graffio al viso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 3 dicembre (Natale) e Dl spostamenti, cosa cambia nelle Marche: le modifiche

  • Vitamina D: perché è importante, dove trovarla e come accorgersi di una carenza

  • Dramma nella notte, Yasmine muore a soli 20 anni: il cordoglio da tutta la città

  • Marche zona gialla o zona arancione? Acquaroli fa chiarezza

  • LE MARCHE TORNANO ZONA GIALLA

  • Emergenza Covid, Acquaroli preoccupato: «Rischiamo crisi economica impressionante»

Torna su
AnconaToday è in caricamento