Visita alla Politecnica del Capo della Protezione Civile Angelo Borrelli

Incontro presso il Rettorato dell’Università Politecnica delle Marche con il Capo della Protezione Civile Angelo Borrelli

 Visita del Capo della Protezione Civile Angelo Borrelli venerdì scorso presso il Rettorato dell’Università Politecnica delle Marche. All’incontro avuto con il Rettore Sauro Longhi erano presenti Roberto Oreficinie il prof. Fausto Marincioni. Nell’incontro si sono presentate e analizzate le principali attività di alta formazione della Politecnica tra questi due corsi di laurea attivi negli ambiti della protezione civile. Il primo corso è attivato ben 16 anni fa in collaborazione con il Dipartimento per le Politiche Integrate di Sicurezza e per la Protezione Civile della Regione Marche, il Dipartimento Nazionale della Protezione Civile e con l'Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente delle Marche (ARPAM). Tale corso di laurea in Scienze Ambientali e Protezione Civile forma tecnici capaci di operare in campo ambientale e di protezione civile. Il secondo corso, attivo da oltre 12 anni, è la laurea magistrale in Rischio Ambientale e Protezione Civile, per la formazione di tecnici altamente specializzati nell'analizzare, interpretare e gestire il complesso rapporto uomo-ambiente, nell'ambito delle problematiche di sostenibilità delle risorse naturali e di pianificazione, coordinamento e gestione delle attività di protezione civile.

Questi due corsi di laurea preparano tecnici capaci di operare sia negli enti pubblici che in imprese private, con alte percentuali di occupabilità, a 5 anni dalla laurea magistrale. Dal 2008 il percorso di studi si è arricchito anche di un programma di dottorato di ricerca in Protezione Civile e Ambientale per la formazione di giovani ricercatori nel campo della Riduzione del Rischio Disastri.
 
Dall’incontro è emersa l’utilità di affiancare a questi corsi di laurea e dottorato anche dei corsi di perfezionamento, capaci di integrare quanto già fatto, coinvolgendo l’intero sistema universitario delle Marche, con obiettivi specifici e adattabili di in base agli sviluppo della normativa di protezione civile e dell’esperienza. Anche per questo progetto si prevede una stretta collaborazione con la Protezione Civile Nazionale.  
 
Il Capo della Protezione Civile Angelo Borrelli intende partire dalla Marche per “esportare - ha detto Borrelli - il modello formativo in tutte le regioni, le Marche possono essere un esempio per le altre Regioni, qui la significativa esperienza maturata negli anni per la formazione di tecnici per la protezione civile può definire una buona pratica per le altre regioni”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, presentata la nuova Giunta Acquaroli: ecco tutti gli assessori con deleghe

  • Tragico investimento, travolta e uccisa da un'auto sotto gli occhi della nipotina

  • Concorso pilotato per favorire la fidanzata di un medico, primario nei guai

  • Covid al liceo, studentessa positiva al tampone: classe di 29 alunni in quarantena

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Ubriaco fradicio, tampona una donna: nel sangue un tasso alcolemico spropositato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento