menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Riunione assemblea tra membri del Gulliver

Riunione assemblea tra membri del Gulliver

Università, scatta la protesta del Gulliver: “Il 70% degli studenti non prende i soldi della Borsa“

Si è tenuto un tavolo tra l’assessore regionale al diritto allo studio Bravi, il Direttore dell’ERDIS Brincivalli, i presidenti dei consigli studenteschi e i rappresentanti degli studenti

Ieri, lunedì 23 ottobre si è concluso un ciclo di assemblee negli studentati di Ancona. Le assemblee, coordinate dalla Lista Gulliver - Sinistra Universitaria, nascono dalla necessità degli studenti di organizzarsi per rivendicare i propri diritti. “La situazione è critica” Dichiara il Coordinatore della lista Gulliver Leonardo Archini “il 70% degli studenti idonei non riceve la parte monetaria della Borsa; libri di testo, materiale didattico, assistenza sanitaria, abbonamenti per i trasporti non vengono garantiti da ERDIS, ma sono bensì a spese degli studenti. Questa situazione rappresenta un ostacolo al raggiungimento dei gradi più alti dell’istruzione da parte dei capaci e meritevoli ma privi di mezzi che, senza la parte contante della borsa, non possono affrontare le spese necessarie”. Per affrontare queste tematiche si è tenuto un tavolo venerdì 20 ottobre tra l’assessore regionale al diritto allo studio, Loretta Bravi, il Direttore dell’ERDIS Angelo Brincivalli, i presidenti dei consigli studenteschi delle università marchigiane e i rappresentanti degli studenti degli AFAM. L’incontro non ha sortito gli effetti sperati dai rappresentanti dell’UniMC e UnivPM che hanno presentato un documento congiunto sulla questione. “Seppur siano emersi aspetti positivi per quanto riguarda la gestione dei posti letto per i prossimi anni, la regione non si rende conto della gravità della situazione. I tre milioni l’anno previsti per il 2018 e 2019 non sono sufficienti per coprire le borse di studio di tutti gli idonei e non c’è una programmazione per l’incremento del fondo regionale che possa garantire il Diritto allo Studio” continua Beatrice Bianconi, Presidente di Officina Universitaria presente al tavolo in rappresentanza del Consiglio degli Studenti dell’UniMC “La regione si accontenta di erogare l’alloggio a chi ne fa richiesta e la mensa, lasciando da parte chi ha condizioni economiche di partenza difficili.”

Conclude Archini: “Abbiamo deciso di mobilitarci perché siamo stanchi di essere lasciati da parte da una Regione che dice di non poter investire nel nostro futuro e in quello delle Marche. Siamo stufi di sentirci abbandonati all’interno di studentati al limite della vivibilità e senza poter sostenere le spese essenziali. Molti di noi sono costretti ad abbandonare gli studi e sembra che dalle istituzioni questo non sia percepito come un problema.”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rione Pinocchio, perché si chiama così? (La statua non c’entra)

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento