Firmato l’accordo tra Univpm e Procura Generale di Ancona

La Procura Generale di Ancona con questo accordo applicherà tecniche di user experience design (UXD) per rendere più facilmente accessibili via web i servizi

 Con la firma dell’accordo tra Università Politecnica delle Marche - Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione - e la Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Ancona, oggi in Rettorato, si è avviato il primo passo di una collaborazione che durerà due anni. L'accordo potrebbe fare da apripista a future collaborazioni con altri uffici delle Procure.

Con questo accordo l’Univpm e la Procura Generale si impegnano a collaborare per individuare soluzioni in merito all’applicazione di tecniche e tecnologie ICT per il supporto delle attività della Procura. Tra gli altri sono previsti la ri-progettazione del sito web e progettazione di un’app. La Procura con questo accordo applicherà tecniche di user experience design (UXD) per rendere più facilmente accessibili al cittadino i servizi e inoltre attraverso una ricerca della Politecnica sarà fatta una ricognizione dei propri fabbisogni di conoscenze informatiche. La UXD è composta da quell’insieme di processi atti ad accrescere la soddisfazione dell’utente migliorando l’usabilità di una pagina web, la sua facilità di utilizzo, l’intuitività e l’interazione. 

L’Università è un centro primario della ricerca scientifica ed è suo compito elaborare e trasmettere criticamente le conoscenze scientifiche, anche promuovendo forme di collaborazione con istituzioni pubbliche e private. In particolare la Procura Generale e la Politecnica hanno un reciproco interesse ad avviare una collaborazione, finalizzata al raggiungimento di obiettivi comuni ed alla promozione delle proprie attività nei rispettivi campi di azione.
In particolare, la collaborazione prevede la progettazione di un’app mobile a supporto delle attività della Procura Generale e della loro pubblicizzazione ed è prevista anche la ri-progettazione del sito. Inoltre verrà prodotto un questionario volto ad individuare con precisione i fabbisogni informativi del personale della Procura e infine è previsto un supporto nella progettazione dell’impianto di WiFi interno. Il Dipartimento mette a disposizione le proprie competenze e professionalità nel settore della comprensione e reingegnerizzazione dei processi. La Procura Generale si impegna a supportare l’attività di ricerca e sviluppo del Dipartimento mettendo a disposizione proprio personale dipendente in possesso delle competenze professionali necessarie a supportare le attività.

Alla conferenza stampa di presentazione erano presenti il Rettore Univpm Sauro Longhi, Sergio Sottani Procuratore Generale, il Direttore del Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione Francesco Piazza, Luigino Pisello Dirigente Amministrativo e i responsabili per la gestione delle attività il Prof. Univpm Domenico Ursino e il Direttore Amministrativo della Procura Generale Elena Loiodice.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Sette furti, poi l'inseguimento da Polverigi ad Ancona: chi sono gli arrestati di via 25 Aprile

  • Dramma nella notte, Yasmine muore a soli 20 anni: il cordoglio da tutta la città

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

Torna su
AnconaToday è in caricamento