Moby Litter: ricerca, imprese e scuole per combattere l’inquinamento da plastiche

“Moby Litter, the future we don’t want” è il titolo della giornata organizzata presso il Dipartimento di Scienze della Vita e dell’Ambiente dell’Università Politecnica delle Marche

L'evento Moby Litter ad Ancona

ANCONA - Si è tenuto oggi, a partire dalle 9:00, presso il Dipartimento di Scienze della Vita e dell’Ambiente dell’Università Politecnica delle Marche l’evento “Moby Litter, the future we don’t want”. Un workshop incentrato sul problema dell’inquinamento da plastiche in mare che è stato anche l’occasione per inaugurare Moby Litter, uno scheletro di balena che col tempo sarà riempito di plastiche raccolte sulle spiagge dalle scuole. Al worskshop sono state diverse le voci a confronto: la ricerca scientifica e l’Europa con le Mission di “Horizon Europe” (healthy oceans, seas, coastal and inland waters), “JPI Oceans” e “BlueMed Initiative”. Erano presenti le principali associazioni ambientaliste (Marevivo, Greenpeace e Legambiente), ed alcune aziende leader nel disinquinamento, riutilizzo ed uso sostenibile della plastica (Fratelli Guzzini, Garbage Group, IRISSRL). Si è parlato poi del Piano Lauree Scientifiche (PLS) in Scienze Naturali e Ambientali, con l’intervento di alcune scuole. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alle 11:00 davanti all’edificio Scienze 3 è stata inaugurata “Moby Litter”, una struttura con la forma di uno scheletro di balena che darà un segnale visibile dell’importanza della ricerca, della sostenibilità ed anche della formazione e educazione. Moby Litter non si può definire un’opera d’arte, ma un elemento iconografico che simboleggia l’importante azione di ricerca che l’Università Politecnica delle Marche sta facendo per la tutela del mare. La struttura è stata donata da Garbage Group e dal cantiere navalmeccanico CPN, due aziende anconetane che in sinergia hanno realizzato il Pelikan, il battello green da lavoro per i servizi ecologici dedicato alla raccolta dei rifiuti solidi galleggianti, semisommersi e oleosi negli specchi acquei chiusi. Un’immagine incisiva che rafforza il legame fra il mondo della ricerca e quello delle imprese che operano nel settore della Blue and Circular Economy. L'evento si inserisce all'interno del programma di appuntamenti che precedenono "Sharper - La notte europea dei ricercatori" che si terrà il 27 novembre 2020.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

  • Reparti Covid sold out a Torrette, scatta il blocco delle ferie per infermieri e Oss

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento