Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca Jesi

Università, "I fenomeni migratori" chiude la tornata di seminari didattici

«L’esistenza di un confine fisico – ha spiegato Canavesi, Presidente dei corsi universitari jesini – marca nella storia il fenomeno migratorio, che è un dato endemico dei popoli»

Il tema de “I fenomeni migratori” chiude la tornata di seminari didattici in programma nel secondo ciclo di lezioni 2017/2018 alla sede distaccata dell’ateneo di Macerata. Oggi, giovedì 19 aprile, presso i locali della Fondazione Colocci di Jesi, i proff. Guido Canavesi, Isabella Rosoni e Simone Betti (Università di Macerata) assieme a Wael Farouq (Università Cattolica di Milano) hanno infatti dibattuto su un tema tanto attuale quanto scottante: il movimento delle persone nello spazio e nel tempo.

«L’esistenza di un confine fisico – ha spiegato Canavesi, Presidente dei corsi universitari jesini – marca nella storia il fenomeno migratorio, che è un dato endemico dei popoli. Questo fenomeno ci fa comprendere il dialogo tra particolare (il limite di un territorio) e universale (l’esigenza delle persone di raggiungere la felicità). Pertanto la dinamica della migrazione si iscrive nell’esperienza spirituale dell’uomo prima che nel fenomeno politico e sociale». Il convegno è nato con l’obiettivo di fare il punto su una serie di problematiche salienti, insite nel fenomeno della migrazione dei popoli: il principio della “diversità”, la questione dell’integrazione e la mutazione della dimensione giuridica, economica e culturale di un Paese. “Siamo particolarmente soddisfatti di ospitare eventi che, oltre ad approfondire la didattica affrontata in classe, pongono l’attenzione su argomenti tanto importanti dell’attualità: questo senza dubbio aiuta i nostri ragazzi a riflettere e a comprendere meglio i tempi in cui viviamo”, ha detto il segretario generale della F. Colocci Paolo Borioni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Università, "I fenomeni migratori" chiude la tornata di seminari didattici

AnconaToday è in caricamento