rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Cronaca

Università, dal 5 giugno al via Ipofisando: esperienze a confronto

Al via Ipofisando (5-10 giugno 2017) una serie di eventi quotidiani con il fine di sensibilizzare la comunità medica e sanitaria sulle patologie ipofisarie

Al via Ipofisando (5-10 giugno 2017) una serie di eventi quotidiani con il fine di sensibilizzare la comunità medica e sanitaria sulle patologie ipofisarie che, pur considerate rare, in realtà interessano numerose persone. Infatti i tumori ipofisari (incidentalomi) si ritrovano nel 15-20% dei pazienti che eseguono una risonanza magnetica all’encefalo per i più svariati motivi e molte condizioni morbose (ipertensione, diabete, obesità, amenorrea, osteoporosi etc..) possono essere la conseguenza di una malattia ipofisaria non diagnosticata. 

In questa settimana sarà possibile effettuare visite specialistiche gratuite quotidiane che verranno eseguite all'Ospedale di Torrette nell'ottica di una campagna di prevenzione e di informazione. Inoltre mercoledì 7 giugno si terrà la tavola rotonda riservata ai pazienti, ai loro familiari, alle associazioni pazienti ed a tutti gli stakeholder dalle 15:00 alle 18:00, Aula Totti Ospedali Riuniti Ancona che verrà conclusa da un breve concerto all'interno dell'ospedale dove suonerà una band costituita per l'occasione grazie alla disponibilità di pazienti, medici ed infermieri Ipofisando Aperimusic.   

Infine è in programma il corso di aggiornamento multidisciplinare (9-10 giugno 2017) di grande interesse scientifico grazie agli interventi di relatori di primissimo livello. Segnaliamo tra gli altri Salvo Cannavò (Università degli Studi di Messina) sui rapporti tra inquinamento e tumori ipofisari, Marie Lise Jaffrain-Rea (Università degli Studi dell'Aquila) fornirà le ultime novità in tema di genetica, infine Monia Orciani (Università Politecnica delle Marche) ci introdurrà al mondo delle cellule staminali ed al loro potenziale ruolo patogenetico nei tumori ipofisari. Il corso offrirà una dimostrazione di come la ricerca clinica si trasformi in ricerca di base per arricchire la pratica clinica. E proprio alla pratica clinica, inoltre, saranno dedicate le sessioni interattive.


La patologia ipofisaria è complessa, non solo per i problemi diagnostici, ma anche per quelli terapeutici e per le conseguenze sulla mortalità e la qualità di vita che comporta. Da qui la necessità di una gestione multidisciplinare e di un vero "gioco di squadra” tra l'endocrinologo, il neuroradiologo ed il neurochirurgo. Diverse le regioni coinvolte in questo corso di aggiornamento: Emilia Romagna, Umbria, Abruzzo, Puglia e naturalmente Marche. Venerdi 9 Giugno 2017 alle ore 14,00 è prevista l’apertura del corso, con il saluto delle autorità Michele Caporossi Direttore Generale Ospedali Riuniti di Ancona, Sauro Longhi Rettore Università Politecnica delle Marche e Fulvio Borromei Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri di Ancona.La  presentazione del corso è a cura di Giorgio Arnaldi (endocrinologo), Gabriele Polonara (neuroradiologo), Riccardo Antonio Ricciuti (neurochirurgo) che hanno organizzato l’evento. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Università, dal 5 giugno al via Ipofisando: esperienze a confronto

AnconaToday è in caricamento