Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca

Università, viticoltura sostenibile e biodiversità: l'arte incontra il mondo agricolo

Giovedì 8 giugno alle ore 10:00 presso l'Aula Magna di Ateneo "Terzo Paradiso. Alle 15:00 la messa a dimora della prima vite che farà parte dell'opera d'arte

L’Arte incontra il mondo agricolo. Giovedì 8 giugno alle ore 10:00, presso l’Aula Magna di Ateneo al Polo Monte Dago di Ancona, l’artista Michelangelo Pistoletto sarà ospite di un incontro speciale per presentare “Terzo Paradiso. Viticoltura sostenibile e biodiversità”. Interverranno il Rettore Sauro Longhi, il sindaco di Ancona Valeria Mancinelli, il Direttore del D3A Nunzio Isidoro, il direttore dell’Orto Botanico Selva di Gallignano Fabio Taffetani e la Prof.ssa Oriana Silvestroni. Alle ore 15:00 è prevista una visita all’Orto Botanico nel sito scelto per l’installazione del Terzo Paradiso a cura dell’artista, con la messa a dimora della prima vite che farà parte dell’opera unica.


Michelangelo Pistoletto, nato a Biella il 25 giugno 1933, è un artista, pittore e scultore italiano, animatore e protagonista della corrente dell'arte povera. Nel 2003 Pistoletto scrive il manifesto del Terzo Paradiso e ne disegna il simbolo: una riconfigurazione del segno matematico d’infinito, che grazie alla sua intuizione si compone di tre cerchi consecutivi, ciascuno dei quali simboleggia un “paradiso”. I due cerchi esterni rappresentano la dicotomia natura-artificio. Il primo vede gli esseri umani totalmente integrati nella natura, il secondo è il paradiso della scienza e della tecnologia. Il cerchio centrale è la compenetrazione fra i due opposti, il Terzo Paradiso, ovvero la connessione equilibrata tra natura e artificio. Non solo. Il termine paradiso deriva dall'antica lingua persiana e significa “giardino protetto”: l’Orto Botanico della facoltà di Agraria, laboratorio didattico sede di studio e sperimentazione, si presenta quindi come location perfetta per ospitare un’istallazione carica di valori estetici, naturalistici e filosofici. La materia viva per costruire l’istallazione è la vite, che snodandosi lungo il percorso tracciato da Pistoletto, comunica con la forza emotiva dell’arte temi legati alla viticultura, alla biodiversità, all’agricoltura sostenibile. Si parte dalla terra per arrivare al futuro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Università, viticoltura sostenibile e biodiversità: l'arte incontra il mondo agricolo

AnconaToday è in caricamento