Mundialito Antirazzista: "Il Comune di Ancona nega il patrocinio? Ci pensa l’UNAR"

L'Ufficio per la rimozione delle discriminazioni del Dipartimento per le pari opportunità ha inviato una lettera all'associazione sportiva Assata Shakur. La Polisportiva si rivolge al Comune: "Ritorni sulla scelta"

L’UNAR (l'Ufficio per la promozione della parità di trattamento e la rimozione delle discriminazioni fondate sulla razza o sull'origine etnica, istituito presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento per le pari opportunità.)  ha inviato una lettera in cui attesta il rilascio del Patrocino all'iniziativa del Mundialito Antirazzista dell’associazione Assata Shakur. Patrocinio che, invece, era stato negato dal Comune di Ancona. Ecco la nota diffusa dall’associazione Polisportiva Assata Shakur:

“Da anni l’Associazione Sportiva Assata Shakur svolge ad Ancona una funzione di alto valore sociale. Ha cercato di affermare una visione dello sport, del calcio in particolare, incentrata sull’antirazzismo, il rispetto dell’altro, la solidarietà, la partecipazione, molto lontana da quella oggi imperante basata sul business, la competitività esasperata, nonché l’intolleranza, purtroppo ben presente in molti stadi.  In particolare l’organizzazione del Mundialito Antirazzista ha contribuito ad avvicinare le varie comunità etniche presenti nella nostra città, unendole in un evento sportivo che ha avuto riconoscimenti a livello nazionale ed è diventato un punto di riferimento per chi crede che un altro calcio sia possibile. Così operando l’Assata ha avuto anche il grande merito di disinnescare eventuali tensioni tra i vari gruppi nazionali, come si è verificato in altre città italiane.
Dunque un’attività meritoria che in questi anni ha visto il riconoscimento delle stesse amministrazioni comunali, le quali non hanno fatto mancare il loro sostegno anche economico alla manifestazione del Mundialito. Una tradizione che è stata spezzata dalla nuova giunta comunale, che ha pensato bene di non dare il consueto contributo alla XIII edizione del Mundalito Antirazzista, adducendo una motivazione incredibile. Infatti per il sindaco il coinvolgimento di alcuni rappresentanti dell’Assata nella nota vicenda di Casa de nialtri è un marchio di infamia che va punito esemplarmente. Premesso che chi è impegnato da anni in un lavoro sociale a fianco degli immigrati non poteva rimanere insensibile a chi rivendicava un diritto basilare, come quello alla casa, presente anche nella nostra Costituzione, una scelta del genere è inaccettabile e non degna di una città come Ancona, con antiche e radicate tradizioni democratiche, festeggiate recentemente in occasione del centenario della “Settimana Rossa”.
Invitiamo, pertanto il Comune, anche alla luce del Patrocino che è stato assegnato dall'UNAR, a ritornare sulla sua scelta non degna di una amministrazione che si definisce “democratica”!”

Riconoscimento Unar a Mondialito antirazzista 2014

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Sette furti, poi l'inseguimento da Polverigi ad Ancona: chi sono gli arrestati di via 25 Aprile

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

Torna su
AnconaToday è in caricamento