Cronaca

“Una vita da social”: Allevi, Nesli e Stamura Basket con la Polizia per il web sicuro

Campagna di sensibilizzazione e prevenzione su rischi e pericoli connessi all'utilizzo di Internet, rivolta a genitori, studenti ed insegnanti delle scuole secondarie di primo e secondo grado del territorio nazionale

Giovanni Allevi tra la Dott.ssa Grucci, Dirigente Compartimento Polizia Postale, e l'Assistente Capo della Polizia di Stato Roscioli

Nell’ambito di un progetto del Ministero dell’Interno, la Polizia di Stato in collaborazione con il MIUR ed altre importanti società che a vario titolo operano sul web (quali Facebook, Fastweb, Google, H3G, libero.it, Microsoft, Poste Italiane, TelecomItalia, Skuola.net, Virgilio.it, Vodafone, Wind e Youtube) stanno realizzando una campagna itinerante di educazione alla legalità chiamata “Una vita da social”, volta alla sensibilizzazione e prevenzione su rischi e pericoli connessi all’utilizzo di Internet, rivolta a genitori, studenti ed insegnanti delle scuole secondarie di primo e secondo grado del territorio nazionale.
Il progetto toccherà il nostro capoluogo nella mattinata di mercoledì 9 aprile quando un tir, allestito allo scopo, sarà presente in piazza Cavour ed ospiterà diverse scolaresche locali che verranno accompagnate nel luogo dell’iniziativa con pullman della Polizia di Stato.

La campagna itinerante permetterà agli operatori della Polizia di accogliere i visitatori  all’interno del mezzo allestito con tecnologie di ultima generazione e di illustrare  a studenti, insegnanti e visitatori le principali insidie del web ed il suo utilizzo corretto.
Presenti anche personalità dello sport, come gli atleti della Stamura Basket, e dello spettacolo, che parleranno ai ragazzi del loro rapporto con internet ed i social network nell’ambito delle loro attività.
Verranno anche trasmessi alcuni video di interviste realizzati, tra gli altri, con il maestro Allevi (attualmente in tour con il proprio concerto) e con il cantautore Nesli che ha voluto partecipare all’iniziativa con un proprio messaggio scritto sul suo rapporto con il web. Verrà trasmessa anche l’intervista al campione del mondo di karate, l’anconetano Yuri Bregoli.  

Nel corso dell’iniziativa interverrà anche personale dei cinofili che illustrerà ai ragazzi le modalità di intervento con cani antidroga, antiesplosivi e per ordine pubblico. Gli artificieri della Polizia di Stato mostreranno agli studenti l’intervento  con il robot in caso di allarme bomba.  
 

NESLI: “IL MIO PENSIERO SUL WEB”.E' un piacere poter esprimere la mia opinione su di una tematica così importante nella nostra società e soprattutto un argomento che mi riguarda da vicino.
Utilizzo il web e la rete da diversi anni e mi sono avvicinato a questo tipo di comunicazione, grazie al mio lavoro, il cantante e comunicatore.
Non so se diversamente da questo avrei usato i social per un uso personale, di certo il mio lavoro mi permette di avere un "rapporto personale" con chi mi segue.
Questo è l'enorme vantaggio dei social network, quello di poter conoscere, accorciare le distanze e cosa fondamentale, condividere partecipando.
Io attraverso i miei canali cerco di comunicare il mio messaggio:
" IL BENE GENERA BENE "
con frasi, canzoni, foto, materiale dei fan e mi piace l'idea di far girare un pensiero che possa avvicinare altre persone, per sentirsi parte di qualcosa, una famiglia virtuale.
Trovo che tutto questo sia bellissimo e possa contribuire a creare legami forti.
Il web da la possibilità a molti di esprimersi e di ascoltare o vedere l'espressione di altri, le persone, la società, il mondo.
Questa libertà però deve essere o gestita da adulti se ad utilizzare la rete sono minori o a farne un uso coscienzioso, si perché internet altro non è che un luogo virtuale che riflette quello che pensiamo, desideriamo, immaginiamo.
E come il bello delle cose, c'è anche il lato oscuro, malvagio, come i pensieri e le intenzioni brutte dell'uomo, la cattiveria dell'individuo, troviamo anche questo.
Ed è il motivo per cui non bisogna credere che sia un gioco, un luogo dove fidarsi ciecamente delle persone solo perché uno schermo divide, il male esiste anche sul web e come nella vita non bisogna farlo entrare.
E' affascinante l'idea di conoscere persone e comunicare attraverso i social network ma i rapporti umani, le strette di mano, gli abbracci, i baci restano la cosa più bella.”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Una vita da social”: Allevi, Nesli e Stamura Basket con la Polizia per il web sicuro

AnconaToday è in caricamento