Senigallia: devasta un locale, poi sveglia il vicinato con urla sconnesse

Quando i carabinieri hanno cercato di chiedergli i documenti e di farlo salire in auto il giovane si è divincolato con tutte le sue forze, e una volta arrivato in caserma i suoi bollenti spiriti non si sono calmati

Ha devastato un locale, ha cercato di sottrarsi all’arresto e, una volta portato a forza in caserma, ha fatto talmente tanto rumore da svegliare tutto il vicinato. Tutto è cominciato all’una e mezzo del mattino, quando i carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile di Senigallia sono stati chiamati a intervenire un locale di via Abruzzi, dove un uomo in evidente stato di esaltazione alcolica aveva dato in escandescenze provocando gravi danni all’attività.

Quando i carabinieri hanno cercato di chiedergli i documenti e di farlo salire in auto il giovane – poi identificato per Z. R., nato in Afghanistan, classe 1987, domiciliato a Ostra Vetere, irregolare sul territorio italiano – si è divincolato con tutte le sue forze e una volta arrivato in caserma i suoi bollenti spiriti non si sono certo calmati: gridando frasi sconnesse con tutta la voce che aveva in corpo il giovane ha svegliato l’intero quartiere, calmandosi solo dopo diverse ore.

Solo una volta tornato in sé i militari hanno potuto procedere alla fotosegnalazione. Comparso davanti al giudice, è stato condannato a 8 mesi con pena sospesa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Sette furti, poi l'inseguimento da Polverigi ad Ancona: chi sono gli arrestati di via 25 Aprile

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

Torna su
AnconaToday è in caricamento