menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Carabinieri all'Obi

Carabinieri all'Obi

Applicavano finte targhette su prodotti da bricolage: denunciati i furbetti degli avvitatori

I carabinieri hanno denunciato per truffa due anconetani che utilizzavano questa tecnica per acquistare prodotti a prezzi stracciati

Avevano falsificato le etichette dei prodotti più costosi dell’Obi per acquistarli ad un prezzo anche cinque volte più basso. Due anconetani, un 32enne incensurato e un 29enne già noto alle forze dell’ordine, sono stati denunciati dai Carabinieri di Ancona per truffa. I militari della stazione di Brecce Bianche hanno eseguito l’accurata indagine dopo essere stati allertati dai dipendenti del negozio di bricolage. I due avrebbero sostituito alle etichette originali di due avvitatori del valore originale di 400 euro quelle contraffatte che riportavano il prezzo di un prodotto simile che però aveva il costo di 20 euro. Una volta arrivati alla cassa i furbetti non sono sfuggiti all'occhio attento dello staff. Un'incongruenza tra i codici a barre, infatti, avrebbe insospettito la persona addetta alle casse che ha poi deciso di chiamare il 112. 

Le forze dell'ordine hanno individuato i due soggetti e le indagini sono proseguite con una perquisizione domiciliare da cui è emerso che in casa avevano pronte centinaia di altre "targhette fake", sia dell'Obi che di Mediaworld. Tutte le etichette sono state sequestrate e i due sono stati denunciati per truffa. Gli inquirenti in queste ore stanno verificando se in passato c'erano stati altri casi simili anche nel negozio di elettrodomestici di via Primo Maggio. 

Non era la prima volta, infatti, che i due utilizzavano questa tecnica per acquistare oggetti a prezzi stracciati. La loro era una truffa collaudata: in un primo momento entravano nel negozio per cercare due prodotti simili, uno più costoso e l’altro meno. Poi scattavano una foto alle targhette con il relativo codice a barre e a casa ristampavano soltanto l’etichetta più conveniente. Il giorno dopo, poi, applicavano sul prodotto più costoso la copia dell’etichetta più conveniente. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Scuole chiuse in tutta la città: il sindaco firma l'ordinanza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento