Truffe online, computer e telefoni non consegnati: tre le persone denunciate

Televisori e smartphone di ultima generazione, acquistati e poi non ricevuti oltre ad email false per accedere alle carte prepagate. Tre persone sono state denunciate per truffa aggravata

Gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Osimo hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Ancona tre persone per truffa telematica aggravata ai danni di altrettanti osimani.

Il primo caso riguarda un 30enne di Casenuove che ha pagato tramite bonifico un televisore HD di ultima generazione, non ricevendo alcuna spedizione. Ad essere identificato e denunciato un 41enne siciliano, che aveva pubblicizzato su un sito internet la vendita del televisore. 

Nel secondo caso invece a finire nei guai un 35enne originario della Romania ma residente a Brescia. L'uomo aveva infatti incassato 700 euro su una carta prepagata per la vendita di un personal computer della Apple. Ad acquistarlo una 45enne impiegata di Osimo, che non vedendo consegnato il pacco aveva sporto denuncia.

L'ultima truffa riguarda l'invio di finte email da parte di un 27enne campano, che era riuscito ad ingannare una donna di 35 anni. Il giovane si era finto un incaricato di un Ente affidabile, convincendo l'infermiera di Osimo a farsi dare i dati personali di accesso alla sua carta prepagata dalla quale aveva poi prelevato circa 1500 euro. Anche lui dovrà ora rispondere di truffa aggravata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

  • Telefonata choc dal porto: «Aiuto, mi hanno stuprata in tre»

Torna su
AnconaToday è in caricamento