Venerdì, 19 Luglio 2024
Cronaca Osimo

Marmitta in vendita, pensa di essere pagato ma accredita i soldi al truffatore

Il finto acquirente dava telefonicamente indicazioni sui codici da digitare allo sportello. In realtà la vittima non faceva altro che trasferire somme di denaro al truffatore

Oggetti acquistati a buon prezzo che non verranno mai ricevuti dall’acquirente, che magari anticipa anche le spese di spedizione, o beni che vengono recapitati ma assolutamente differenti da quelli descritti negli annunci pubblicati nei portali di acquisti online. Molte sono anche le truffe che i malviventi riescono a portare a segno con la collaborazione della vittima. Purtroppo succede anche questo. Per questo tipo di truffe, il truffato è il venditore del bene. La dinamica è pressoché sempre la stessa: sul sito, i venditori indicano la loro utenza telefonica, vengono contattati dal potenziale acquirente smanioso di accaparrarsi subito l’acquisto e di pagarlo tramite accredito della postepay del venditore che si porta al primo sportello automatico utile e, guidato telefonicamente dall’acquirente per ricevere l’accredito della somma pari al prezzo del bene, in realtà accredita quella somma, anche diverse volte, perché gli viene chiesto di ripetere l’operazione non andata a buon fine, sulla carta prepagata del malvivente. Quando si rende conto dell’inganno, è troppo tardi. 

La finta marmitta

In una delle ultime denunce trattate, la vittima aveva inserito su un noto portale di compravendite online un annuncio con cui proponeva la vendita di una marmitta usata. Poche ore dopo veniva contattata telefonicamente da una persona che si dichiarava interessata all’acquisto che voleva concludere in giornata, impegnandosi ad inviare un corriere per ritirare l’oggetto. Quindi proponeva di pagarlo subito ed invitava la vittima a portarsi presso uno sportello bancoposta. Telefonicamente gli dava indicazioni sui codici da digitare per ricevere i soldi corrispondenti al prezzo della marmitta, ma in realtà la giovane vittima non faceva altro che trasferire somme di denaro al truffatore che in men che non si dica è riuscito a farsi accreditare quasi 1500,00  euro.«Di solito, le persone che commettono questo tipo di reati sono truffatori seriali- scrive la polizia in una nota- persone esperte, senza scrupoli che vivono quasi esclusivamente dei proventi delittuosi; la Polizia non si stancherà mai di informare i cittadini di stare molto molto attenti, di informarsi accuratamente prima di procedere ad affrettati acquisti, di non farsi attrarre da prezzi scontati o troppo bassi. Il consiglio è di non fidarsi troppo e contattare immediatamente le Forze dell’Ordine nel caso di movimenti sospetti sui propri conti».

Le truffe

In questo tempo di pandemia sono aumentate in maniera esponenziale gli acquisti online degli italiani che, se non particolarmente attenti, rischiano di cadere nei tranelli di astuti truffatori. Sono oltre un centinaio le denunce per truffe e-commerce ricevute nel corso del 2020 dagli Agenti del Commissariato di Osimo diretti dal dottor Stefano Bortone e in molti casi, dopo lunghe e complesse indagini, gli autori degli espedienti e raggiri che hanno indotto in errore le povere vittime, con perdita anche di ingenti somme di denaro, sono stati scoperti e deferiti all’Autorità Giudiziaria. 
  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marmitta in vendita, pensa di essere pagato ma accredita i soldi al truffatore
AnconaToday è in caricamento