Si fingono carabinieri ed avvocati, le "supernonne" sventano la truffa: denunciati

Ad essere denunciati due fratelli, di 36 e 31 anni. Avevano tentato di truffare due anziane, fingendosi dei carabinieri ed avvocati

Uno di loro si era finto avvocato, l'altro un carabiniere. Le vittime due anziane di 81 ed 87 anni, alle quali avevano chiesto dei soldi come risarcimento dei danni causati dai loro figli. Un modus operandi già visto, ma questa volta i due truffatori sono stati scoperti e denunciati.

Facciamo un passo indietro. Le due anziane vittime, entrambe residenti a Villa Musone, sono state contattate telefonicamente dai truffatori, due fratelli napoletani di 36 e 31 anni, entrambi con precedenti e per furti e truffe.  La richiesta? Dei soldi, 4mila euro ciascuna, come risarcimento per dei fantomatici danni causati dai loro figli, in occasione di incidenti stradali in cui erano rimati coinvolti, ma in realtà mai avvenuti. Un'organizzazione quasi perfetta, con la prima chiamata effettuata dal falso Maresciallo di Ancona che comunicava il sinistro alla vittima, mentre la seconda fatta dal finto avvocato, che doveva ritirare la somma di denaro richiesta presso l'abitazione dell'anziana. Un piano "perfetto" se non fosse stato per il fiuto da detective delle due nonne, che non credendo ai due truffatori, hanno denunciato tutto ai Carabinieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I militari sono intervenuti, riuscendo a bloccarli mentre erano a bordo di una Smart, noleggiata poco tempo prima in una società di Napoli. i due truffatori, ben vestiti e con fare da professionisti, non hanno saputo giustificare la loro presenza, riferendo ai Carabinieri di essere in pellegrinaggio poichè devoti alla Madonna di Loreto. Una giustificazione poco credibile, che non ha evitato la denuncia a piede libero ed il foglio di via obbligatorio dalla città di Loreto per 3 anni. In corso ulteriori indagini per accertare eventuali truffe o tentativi andati a vuoto commessi dai due fratelli nella zona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento