Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca

“È morto mio figlio in Repubblica Dominicana”, ma non è vero: gli spilla 400 euro

A cadere vittima dell'imbroglio il gestore del Centro Italia Servizi di Loreto, che mosso a compassione ha anticipato di tasca propria la cifra richiesta per una transazione internazionale

È morto mio figlio nella Repubblica Dominicana. Ti prego di aiutarmi, ho bisogno di soldi. Faccio una transazione a mia moglie e lunedì ti restituisco i 400 euro” questa la frase, riportata virgolettata dal Messaggero, con cui A. M., lauretano di 42 anni, si è rivolto al gestore del Centro Italia Servizi, un'agenzia finanziaria della città mariana. Il gestore, di fronte a quella spiegazione, si era commosso e di tasca propria ha anticipato la cifra necessaria per quella triste incombenza.

Purtroppo, come il gestore stesso ha scoperto a sue spese, si trattava di un inganno: il 42enne non si era fatto sentire né il lunedì successivo, né tantomeno aveva risposto alle telefonate del suo creditore nel corso del mese successivo.
Alla fine l’uomo, parlando con la madre di A.M., aveva scoperto che il lauretano era andato lui stesso a Santo Domingo, realizzando di essere stato imbrogliato. Il gestore è comparso ieri di fronte al giudice a Osimo, che ha condannato il 42enne per insolvenza fraudolenta.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“È morto mio figlio in Repubblica Dominicana”, ma non è vero: gli spilla 400 euro

AnconaToday è in caricamento