Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca

Truffa ai danni di Chevrolet: "Ex concessionarie dal 2009"

Si è conclusa la fase di indagini sulla truffa a danno della Chevrolet Italia. Dal novembre 2009, i concessionari coinvolti non fanno più parte della Rete Chevrolet.

La precisazione di Chevrolet Italia:

"Si è conclusa la fase di indagini sulla truffa a danno della Chevrolet Italia. Dal novembre 2009, i concessionari coinvolti non fanno più parte della Rete Chevrolet.

Nel novembre 2009, in seguito ad approfonditi controlli interni, Chevrolet Italia aveva denunciato alle autorità giudiziarie una truffa a proprio danno, che ha portato alla sottrazione di 7 milioni e 730 mila euro.

Grazie ad ulteriori indagini sono state immediatamente identificate le concessionarie coinvolte: a Roma Fattori e Fattori, Autoforum, Fattori Autoforum, Fattori e Montani, ad Ancona Automoda, a Pesaro Cardinali Auto ed a Perugia Ticchioni Motors.
Già dal novembre 2009, i rapporti con queste concessionarie vennero immediatamente interrotti. Tali operatori non fanno più parte della Rete del marchio da oltre 2 anni.

“Si tratta di una vicenda per noi conclusa già nel novembre 2009 e che riguarda solo la parte giudiziaria. I nostri attuali concessionari ufficiali di Roma, Ancona, Pesaro e Perugia sono totalmente estranei a questi fatti e godono della nostra massima fiducia” ha dichiarato Federico Sanguinetti, Presidente ed Amministratore Delegato della Chevrolet Italia.

Chevrolet Italia aveva subito contattato i clienti delle concessionarie citate per assicurare la consegna della vettura o dell’auto in officina  presso altri concessionari di fiducia ed estranei ai fatti, al fine di garantire la soddisfazione della propria clientela. La vicenda, che ha procurato un ingente danno finanziario a Chevrolet Italia, non ha avuto alcun impatto sui clienti.

Già dal novembre 2009, Chevrolet Italia aveva agito nelle sedi competenti in difesa del proprio nome e per il recupero delle somme sotratte. Ad oggi, tutti i giudici hanno accolto le istanze presentate da Chevrolet Italia permettendo il recupero di oltre 2 milioni di euro.

Il 31 gennaio si è conclusa la fase di indagini preliminari sulla frode a danno della Chevrolet Italia con  l’emissione degli avvisi di garanzia per i concessionari ed i dipendenti infedeli coinvolti. Chevrolet Italia riconosce la serietà e la determinazione della Guardia di Finanza nello sviluppare indagini approfondite e scrupolose che hanno portato a questo importante risultato".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffa ai danni di Chevrolet: "Ex concessionarie dal 2009"

AnconaToday è in caricamento