Porto: esplosivo a bordo del peschereccio abbandonato al Mandracchio?

Secondo l'agenzia ANSA a bordo del Fantastico non c'era esplosivo ma solo detonatori di fabbricazione militare, e l'ipotesi principale è che il materiale fosse destinato alla pesca di frodo o alla rivendita abusiva nelle cave

Sulla vicenda c’è un comprensibile massimo riserbo, ma è trapelato quanto basta per delinearne gli aspetti principali: nel porto di Ancona, a bordo del peschereccio abbandonato “Fantastico”, sarebbe stato trovato un quantitativo di esplosivo per lo meno sufficiente alla creazione di un ordigno (l’esatto quantitativo è sconosciuto), con tanto di miccia valida per approntare un innesco.
Il viavai di polizia e militari al porto è cominciato martedì e nessuno, tra le forze dell’ordine, ha lasciato trapelare nulla, anche se un fascicolo aperto in Procura conferma  indirettamente la vicenda riportata oggi sulle pagine del Corriere Adriatico.

Il “Fantastico” è un mezzo per la pesca che langue abbandonato da anni al Mandracchio, nei pressi dell’ex cantiere Morini, in attesa di demolizione, e nel frattempo si è trasformato in un rifugio di fortuna per gli immigrati irregolari, specie nordafricani, su cui ora – a quanto trapela – si sono concentrati i controlli degli investigatori. Molte le domande relative alla vicenda: come è arrivato l’esplosivo ad Ancona? A che cosa serviva? Perché a bordo del “Fantastico”? Da quanto tempo era là? Tutti quesiti su cui ora dovranno far luce gli investigatori.

AGGIORNAMENTO. Secondo l'agenzia ANSA a bordo del Fantastico non c'era esplosivo ma solo una "scatola con cento detonatori di fabbricazione militare, verosimilmente provenienti dalla ex Jugoslavia", risalenti agli anni 70, e "l'ipotesi principale e' che il materiale fosse destinato alla pesca di frodo o alla rivendita abusiva nelle cave".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, arriva un assaggio d'inverno: maltempo, freddo e anche la neve

  • Scarpe Lidl, mania anche ad Ancona: scaffali svuotati in mezz'ora, maxi rivendite

  • Zona arancione, per Acquaroli non basta: «Presto ordinanza anti-assembramento»

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

Torna su
AnconaToday è in caricamento