Tribunale, il lavandino crolla mentre si lava le mani: avvocato finisce in ospedale

Avendo già la mano destra fasciata per un precedente infortunio, per lavarsi, si è dovuto appoggiare al lavandino. In un attimo, il lavabo è andato in frantumi sotto il suo peso e si è ferito al braccio

I soccorsi in tribunale

Che i bagni, e non solo, del tribunale di Ancona stessero cadendo a pezzi era anche cosa nota, ma non al punto che qualcuno potesse farsi male. Come è capitato stamattina ad un avvocato, dopo che il lavandino su cui si era appoggiato per lavarsi e mani è crollato. Erano circa le 13:00 quando il legale, un 42enne di Ancona, è finito a terra ferendosi il braccio sinistro con i pezzi di porcellana frantumati. Immediati i soccorsi della Croce Gialla di Ancona, arrivati al palazzaccio mentre l’avvocato era sceso al piano terra, in cerca di qualcuno che lo aiutasse a tamponare la ferita. Attimi di paura per chi non sapeva che cosa fosse successo di preciso. Se non altro per la vistosa scia di sangue che, dal bagno, percorreva tutte le scale della torre “D” al primo piano fino all’ingresso. Alla fine il ferito è stato trasportato all’ospedale regionale di Torrette, dove i medici hanno potuto appurare come il taglio, seppur profondo, non avesse compromesso i legamenti. Ma avrebbe lacerato il muscolo. Motivo per cui si renderà necessario anche un intervento chirurgico

L’avvocato ha raccontato come sia stato del tutto inaspettato. Avendo già la mano destra fasciata per un precedente infortunio, per lavarsi, si è dovuto appoggiare al grosso lavandino. In un attimo, il lavabo è completamente andato in frantumi sotto il suo peso, facendolo finire a terra, senza né il tempo, né la possibilità di aggrapparsi da qualche parte.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dunque i bagni del tribunale dorico, senza sapone per le mani, con alcuni sanitari rotti o privi di tavola, senza carta igienica e asciugamani, ora perdono anche un lavandino. Per fortuna ci sono più toilette per ogni piano. E sono 5 piani. Peccato che, ogni tanto, si debbano fare tutti a piedi perché non funzionano neppure gli ascensori

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

  • La sindaca riapre le scuole, ma il Savoia-Benincasa non ci sta: «Noi restiamo chiusi»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento