Cronaca

Tir distrugge area di servizio e scappa, bloccato al porto prima della "fuga" in Albania 

Danni per 110mila euro, inseguito e bloccato al porto

Bloccato prima dell'imbarco per l'Albania al porto di Ancona. Sabato gli agenti della Polizia della frontiera marittima, guidati dal primo dirigente Stefano Santiloni, hanno fermato il mezzo pesante condotto da un camionista albanese di 36 anni. Il mezzo era ricercato dalla Polizia Stradale di Todi perché, poche ore prima, quello stesso tir aveva distrutto un'area di servizio lungo la E45 all'altezza di Acquasparta, per poi scappare. Danni da 110mila euro, con un prefabbricato del distributo di benzina sradicato nelle fondamenta dopo una manovra all'interno dell'area sosta. 

Dalle immagini di videosorveglianza gli agenti della Stradale hanno ricostruito l'accaduto: un tir, effettuando una manovra di retromarcia, ha urtato violentemente la struttura e il conducente si è dato alla fuga. Elemento utile per le indagini: la scritta sul telone dell'autoarticolato. Le ricerche sono state estese a tutte le telecamere stradali e il mezzo pesante è stato individuato a Orte. Grazie alla targa gli agenti hanno identificato il mezzo. Il veicolo è stato così rintracciato dalla Polmare dorica, mentre stava salendo a bordo di una nave diretta in Albania.

Il camionista è stato ascoltato dai poliziotti dorici e messa a verbale la sua versione, per poi essere rilasciato. Intanto multato per essere fuggito a seguito dell’incidente. Nel frattempo è stato aperto un fascicolo di rilevamento di sinistro stradale per il risarcimento assicurativo del cospicuo danno. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tir distrugge area di servizio e scappa, bloccato al porto prima della "fuga" in Albania 

AnconaToday è in caricamento