Rubava identità e truffava banche marchigiane, 43enne in manette

La donna aveva rubato identità nella provincia di Ancona e aveva aperto conti bancari in tutte le Marche, versando assegni con nomi di destinatari fittizi, ma incassando soldi veri

Tra assegni e banche truffate aveva messo su un giro d’affari da almeno 100mila euro A.M., la 43enne arrestata nel casertano da agenti della Squadra mobile di Ancona e del Commissariato di polizia locale.

La donna aveva rubato identità nella provincia di Ancona e aveva aperto conti bancari in tutte le Marche, versando assegni di compagnie di assicurazioni o aziende fornitrici di servizi con nomi di destinatari fittizi, ma incassando soldi veri.

Quando le banche si accorgevano del raggiro, la truffatrice aveva già incassato i soldi ed era pronta a passare alla frode successiva. Ore si trova in carcere in attesa del processo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 3 dicembre (Natale) e Dl spostamenti, cosa cambia nelle Marche: le modifiche

  • Vitamina D: perché è importante, dove trovarla e come accorgersi di una carenza

  • Dramma nella notte, Yasmine muore a soli 20 anni: il cordoglio da tutta la città

  • Marche zona gialla o zona arancione? Acquaroli fa chiarezza

  • LE MARCHE TORNANO ZONA GIALLA

  • Emergenza Covid, Acquaroli preoccupato: «Rischiamo crisi economica impressionante»

Torna su
AnconaToday è in caricamento