Terremoto, terminati i controlli: a Jesi riaprono scuole e palestre

Fin dalle prime ore della mattinata 17 tecnici comunali hanno visionato tutti i plessi della città, dai nido alle scuole dell'infanzia, dalle primarie alle secondarie di 1° grado

Nessun istituto scolastico della città ha registrato anomalie dopo le scosse di terremoto di ieri. Pertanto già da stasera vengono riaperte le palestre scolastiche e domani, venerdì 20, potranno regolarmente riprendere le lezioni. Fin dalle prime ore della mattinata 17 tecnici comunali hanno visionato tutti i plessi della città, dai nido alle scuole dell'infanzia, dalle primarie alle secondarie di 1° grado, lasciando come di competenza ai tecnici della Provincia il controllo degli Istituti Superiori. Le verifiche sono poi proseguite presso la casa di riposo, l'università, la scuola di musica e palazzo dei convegni, permettendo di riscontrare anche qui una situazione di assoluta normalità.

Il controllo - grazie alla sospensione dell'attività didattica che ha permesso di visionare tutte le aule libere dalla presenza degli alunni - è stato ancora più approfondito rispetto a quello già svolto nella giornata di ieri subito dopo le prime due scosse. In particolare si è proceduto, in alcuni casi, alla rimozione di intonaci staccati per valutare la natura delle lesioni superficiali riscontrate. In tutti gli edifici non sono stati rilevati elementi di criticità. «Pertanto - ha comunicato la dirigente dell'Area Servizi Tecnici - gli immobili sono tutti agibili e pienamente utilizzabili» In base a ciò, il sindaco Massimo Bacci ha parzialmente revocato l'ordinanza emessa ieri, autorizzando l'apertura delle palestre fin dal pomeriggio di oggi, dopo le ore 17, per consentire alle società sportive di svolgere gli allenamenti previsti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • Telefonata choc dal porto: «Aiuto, mi hanno stuprata in tre»

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

Torna su
AnconaToday è in caricamento