Cronaca

«Una casa è crollata su di loro, così ho visto morire i miei amici. Qui non c'è più futuro»

Sono le parole di un 19enne di Pescara del Tronto che non dimenticherà quella scena e racconta la sua esperienza dopo il primo giorno dal terremoto che, ad oggi, conta 46 morti solo nella regione Marche

Tre terremotate si fanno forza nella tendopoli di via Saline

Quando ormai le speranze erano ridotte allo zero, alle 20:00 di ieri i Vigili del Fuoco hanno estratto la piccola Giorgia, 4 anni, trovata viva sotto le macerie della propria casa a Pescara del Tronto, la frazione spazzata via dal terremoto che alle 3:36 del 24 agosto ha gettato nel terrore l’intera comunità ascolana. Morte 46 persone. Questo il dato più aggiornato della Protezione Civile Nazionale. Ha parlato di un’esperienza drammatica da affrontare con silenzio e vicinanza il vescovo di Ascoli Piceno Mons. Giovanni D’Ercole (GUARDA IL VIDEO). Fatto sta che Giorgia quasi sicuramente resterà l’ultima iniezione di speranza per i soccorritori, che ormai non contano di trovare altri sopravvissuti nelle Marche. L’adrenalina e la forza delle prime 24 ore vanno scemando e la comunità di Arquata del Tronto, dopo aver ferocemente scavato i detriti per salvare un parente, un amico o un compaesano, fa i conti con i numeri. Mentre tentano di ricostruirsi una quotidianità polverizzata, i terremotati arrivano nella tendopoli di via Salaria. Riposare è impossibile. Proprio lì, sotto il ventre della roccia su cui un tempo sorgeva la frazione di Pescara. Dopo la prima notte in tenda, il coraggio lascia spazio al lutto. Alla paura per un futuro che non si vede più. E al dolore di chi ha perso un caro e di chi ce l’ha fatta mentre vedeva morire gli altri. 

LE TESTIMONIANZE DOPO LA PRIMA NOTTE IN TENDA. Come Giuseppe Filotei, 19 anni di Pescara del Tronto. La sua casa è tra le poche ad aver retto l’urto, ma non dimenticherà mai quello che ha visto: «Sentivo la terra che si sollevava dal suolo - ci racconta con voce rotta - Davanti a me c’erano due ragazzi di 16anni: Tommaso e Arianna. Stava tremando tutto e invece di allontanarsi dalle mura, loro sono andati verso le case. Li ho visti morire davanti a me, schiacciati dai massi. Li conoscevo bene ed è dura sopportare questo trauma. Il prossimo anno spero di fare l’università. Voglio andare lontano da qui». Poi c’è chi, dopo la prima notte in tenda, è tornato lì, a Pescara del Tronto, per guardare le macerie da cui è uscito vivo. Come Giuseppe Lucidi, artigiano 46enne di Ascoli, che la notte del terremoto dormiva nella sua casa vacanze con la moglie, la madre e i due figli di 7 e 10 anni. Hanno visto la morte in faccia quando sotto di loro si è aperta una voragine che li ha risucchiati fino ai meandri della cantina (GUARDA IL RACCONTO VIDEO). Insieme a Giuseppe sono arrivate diverse famiglie per cercare un posto dove dormire. Si ritrova così una comunità spezzata nella spina dorsale, ma che dimostra una solidarietà inesauribile. Anche tra quei giovani, marchigiani e laziali, accomunati da un parente di origini ascolane, che d’estate popolano Arquata del Tronto dove trascorrono le loro spensierate estati. «Ero venuto qui in vacanza due settimane fa e sono tornato a casa pochi giorni prima del sisma - ci racconta Paul Manaut, 20 anni di Roma - quando è successo tutto ho deciso che dovevo tornare per aiutare i miei amici. La cosa più brutta è aver lasciato un posto bellissimo e colorato, per poi tornare qua e avere gli occhi desaturati perché è tutto distrutto, tutto grigio. Io ho viaggiato in Africa e in Europa, ma un posto così non si trova. Domani devo tornare a Roma però domenica torno per restare finché servirà». A pochi passi dai ragazzi, arrivano altre auto, dove altri sfollati scaricano provviste e beni personali. Tra loro c’è Dina Amadio, 53 anni di Pretare di Arquata. Lei ha perso l’amica Stefania: «La prima notte in tenda è andata bene perché ritrovi la famiglia e i volontari dell’Anpas non ci fanno mancare niente. Ero in casa con mia figlia quando ho sentito quell’apocalisse. Ho pensato ai miei genitori di 90 anni, sono passata dalla finestra e li ho portati fuori forzando la porta bloccata. Ho perso la mia grande amica Stefania. E’ morta solo lei a Pretara. Il futuro è nero» ha ribadito Dina in lacrime. «Sono salva per miracolo e la mia casa è inagibile. Non sappiamo proprio da dove ricominciare» ha detto Luciana De Angelis, 56enne di Pescara del Tronto. Non tutti vogliono parlare. Tra gli alloggi di fortuna c’è anche chi ha perso un figlio o chi ha visto cose che vuole dimenticare. Motivo per quale alla tenda numero 25 è stato istituito un presidio fisso per l’ascolto medico psicologico con 5 esperti durante le ore diurne e 2 in quelle notturne. Lì accanto c’è la tenda di Vincenzo, 55enne di Roma, che ha detto: «La prima notte in tenda? Non abbiamo dormito. Casa nostra è stata rasa al suolo, siamo vivi e non sappiamo come. Io e mia moglie siamo riusciti a scappare ma mio suocero non ce l’ha fatta». 

E mentre dai centri ospedalieri arrivano i terremotati, dalla statale arrivano derrate alimentari. Acqua, pasta, zucchero pomodori, pane stoviglie di plastica. Sono solo alcuni dei beni arrivati nelle prime ore grazie ai volontari della Caritas di Ascoli Piceno. Per l’assistenza medica c’è il 118 di Ascoli e i volontari della Croce Verde di San Benedetto. Mentre la Protezione Civile, dopo aver installato 30 tende per ospitare 240 posti letto, hanno ultimato gli allacci elettrici e ogni giorno sono in grado di preparare fino ad 800 pasti al giorno. «Daremo il massimo per alleggerire la pesantezza del soggiorno di queste persone» ha garantito Franco Taffi della Protezione Civile Anpas Marche

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Una casa è crollata su di loro, così ho visto morire i miei amici. Qui non c'è più futuro»

AnconaToday è in caricamento