Le opere d'arte danneggiate o a rischio verranno ospitate alla Mole Vanvitelliana

Alcuni spazi della Mole Vanvitelliana ospiteranno le opere d'arte danneggiate o a rischio provenienti dalle aree terremotate

Il Comune di Ancona ha accolto la richiesta della Soprintendenza di ospitare presso alcuni spazi della Mole Vanvitelliana le opere d'arte danneggiate o a rischio provenienti dalle aree terremotate, rendendosi disponibile a riorganizzare l'area al fine di tutelare, restaurare e proteggere tali opere.   

«Il compito di una città, e ancor più di un capoluogo di regione, è quello di prendersi cura del territorio, dei suoi abitanti, del suo patrimonio - sottolinea il Sindaco Valeria Mancinelli - Lo faremo con orgoglio e dedizione, per il tempo che ci vorrà, all'interno di un monumento capace di abbracciare tanto le persone quanto le opere d'arte. Lo faremo con spirito di servizio nei confronti dei tanti Comuni terribilmente colpiti dal sisma, che ci auguriamo tornino presto in grado di ospitare i loro simboli, i dipinti, le statue, gli oggetti d'arte, senza i quali è difficile concepire una comunità. Ci mettiamo a disposizione della Soprintendenza, che ci ha coinvolto in questa operazione con grande tempestività e concretezza» All'interno della Mole si prevedono depositi per le opere in spazi attualmente utilizzati dal Comune e dal Museo Omero, e un laboratorio di restauro».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Sette furti, poi l'inseguimento da Polverigi ad Ancona: chi sono gli arrestati di via 25 Aprile

  • Dramma nella notte, Yasmine muore a soli 20 anni: il cordoglio da tutta la città

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

Torna su
AnconaToday è in caricamento