Giovedì, 17 Giugno 2021
Cronaca

Terremoto del 20 maggio 2012 in Emilia: scosse avvertite anche nelle Marche

È stato avvertito anche nelle Marche il terremoto di magnitudo 5.9 che domenica alle 4.04 ha colpito l'Emilia. Una colonna mobile della Protezione Civile delle Marche è partita per dare il suo supporto

È stato avvertito distintamente anche in tutte le Marche il terremoto di magnitudo 5.9 della scala Richter che nella notte fra sabato e domenica alle 4.04 ha colpito l’Emilia (seguita poi da altre scosse), causando purtroppo almeno 7 morti. Secondo la Protezione Civile il sisma è stato preceduto, all'1.15, da una scossa di magnitudo 4.1, ed è stato avvertito come anche in Toscana, Veneto, Lombardia, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia. Anche nelle Marche, come si diceva, la scossa si è percepita, da Ancona a San Benedetto, da numerosi cittadini. Nella nostra regione non si è comunque registrato nessun danno.

SOLIDARIETA' DALLA MARCHE. “Le Marche esprimono profondo cordoglio per le vittime e le loro famiglie. Siamo vicini alla comunità e alle istituzioni dell’Emilia Romagna, pronti a esprimere concretamente la nostra solidarietà rispetto a ogni necessità delle popolazioni colpite dal sisma, memori della nostra dolorosa, analoga, esperienza e dei generosi gesti che seguirono da tutta la comunità nazionale”. Così il presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca, subito informato, in Brasile, dell’evento che ha colpito la regione limitrofa. La Protezione civile marchigiana, appena dopo il sisma, è subito entrata in allerta ed è in stretto contatto operativo con quella dell’Emilia per valutare ogni esigenza di intervento e collaborazione. Al momento il supporto più urgente è quello della verifica di agibilità delle abitazioni, a cui hanno dato la disponibilità a partecipare anche squadre e tecnici della protezione civile delle Marche.

PROTEZIONE CIVILE. Una colonna mobile della Protezione civile delle Marche è partita per Finale Emilia per portare soccorso alle persone terremotate. Oltre a tende e attrezzature varie, è dotata di una cucina completa e di un piccolo ambulatorio medico, ed è composta da una cinquantina di persone. La Protezione civile marchigiana, che ha una vasta esperienza sul campo per aver fatto fronte ai terremoti che hanno interessato la regione (l'ultimo, il più devastante, quello di Marche e Umbria), ha messo a disposizione le sue competenze anche in occasione del sisma dell'Abruzzo, in particolare organizzando un ospedale, e in altre catastrofi naturali che si sono verificate negli anni nel mondo. Il responsabile Roberto Oreficini ha confermato che il sisma emiliano è stato avvertito anche nelle Marche fino all'Abruzzo e che per ora non si registrano danni.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terremoto del 20 maggio 2012 in Emilia: scosse avvertite anche nelle Marche

AnconaToday è in caricamento