Terremoto, c'è chi ha perso tutto ma non rinuncia alla solidarietà

La stalla era inagibile al 90%. Si sono rimboccati le maniche al Villaggio Coldiretti hanno anche fatto una donazione ai poveri attraverso la Spesa Sospesa

Marco Antolini, uno dei responsabili della stalla sociale La Comune

Sarebbero i primi ad aver bisogno di una mano eppure sono i primi a darla al prossimo. Tra le aziende marchigiane terremotate ce n’è anche una che ha deciso di donare ciò che non sarà venduto al mercato di Campagna Amica all’interno del Villaggio Coldiretti che si chiude oggi a Roma dopo una tre giorni che ha visto le Marche grandi protagoniste con oltre 4000 agricoltori marchigiani all'opera e oltre 2 milioni di visitatori. Una testimonianza di grande solidarietà che arriva dalla stalla sociale La Comune di Rotella (Ascoli). E questo anche alla luce del Pil agricolo in caduta rispetto ai dati pre-sisma. Nelle Marche il crollo delle produzioni, i danni alle stalle, alle case e ai fabbricati rurali presenta un conto di 140 milioni di euro in meno nel 2017 rispetto al 2015: -6%. Tra i settori più colpiti c’è proprio quello del latte. Nella campagna pre terremoto, 2015/16 le stalle marchigiane, secondo dati Clea rielaborati da Coldiretti Marche, avevano prodotto 40.898 tonnellate di latte mentre con la campagna 2017/2018 siamo scesi a 28.220 tonnellate, il 30% in meno. La percentuale aumenta se consideriamo le sole province terremotate: -35%.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Eppure proprio dal settore del latte arriva la donazione. «Nel 2017 la combinazione di terremoto e neve ha reso inagibile il 90% della nostra struttura - Marco Antolini, della stalla sociale – Avevamo necessità di ripartire subito, ci siamo rimboccati le maniche e abbiamo lanciato lo yogurt che è oggi il nostro fiore all’occhiello. Qui a Roma, grazie a Coldiretti, siamo riusciti a farlo conoscere. La donazione? Abbiamo pensato che la nostra generosità dovesse essere all’altezza di chi ci ha aiutato fino a oggi. Nell’ambito dell’iniziativa Spesa Sospesa abbiamo quindi deciso di donare alla Caritas l'invenduto». Spesa Sospesa è l’iniziativa di Coldiretti che, mutuando la tradizione partenopea del caffè sospeso, permette ai visitatori di lasciare qualche euro in più agli stand di Campagna Amica. Il ricavato viene poi trasformato in spesa alimentare da girare alle associazioni benefiche che si occupano di poveri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento