Emergenza, bloccati in casa senza luce e gas: «Si sta esaurendo la carica dei cellulari. Aiuto»

In queste ore il sindaco si sta attivando per ottenere l'intervento dell'Esercito perché la casa dei due coniugi si trova in una ripida discesa ed è necessario l'arrivo di un fuoristrada attrezzato

Ruspa dell'esercito provincia di Macerata tra la neve

E’ allarme nella frazione di San Giusto nel comune di Pievebovigliana (Macerata), già colpito dal terremoto, per una famiglia rimasta intrappolata nella propria casa dopo le pesanti nevicate. Senza luce e senza riscaldamento da 48 ore, due anziani ultrasettantenni avrebbero chiamato il Comune in mattinata chiedendo aiuto perché ora si stanno scaricando anche le batterie dei cellulari e, una volta spenti, non potranno più comunicare con l’esterno. E' una corsa contro il tempo. I due, moglie e marito, stamattina hanno comunque potuto ricevere un minimo di assistenza da parte degli operatori comunali che, muniti di una piccola turbina, si sono fatti spazio tra le mura di neve arrivando a consegnare del cibo all’interno dell’appartamento. Ma il gelo è lacerante. Lì, dove ci sarebbe una stufa ma, almeno a detta del residente, sarebbe troppo vecchia per sostenere il calore dell’acqua con l’uso della legna. I rischio è che esploda. 

In queste ore il sindaco Sandro Luciano si sta attivando per ottenere l’intervento dell’Esercito perché la casa dei due coniugi, schiavi della neve, si trova in una ripida discesa ed è necessario l’arrivo di un fuoristrada attrezzato per mettere in salvo la coppia, già provata dal gelo e dalla paura. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • Telefonata choc dal porto: «Aiuto, mi hanno stuprata in tre»

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

Torna su
AnconaToday è in caricamento