Cronaca

Terremoto, il commissario Legnini: «Entro il 2021 apriamo 624 cantieri pubblici»

Lo ha detto oggi nel corso di una videoconferenza stampa a cui hanno preso parte anche numerosi amministratori comunali e regionali dei territori più colpiti

Entro la fine del 2021 il commissario straordinario alla Ricostruzione post sisma del Centro Italia, Giovanni Legnini, stima l'apertura di 624 cantieri pubblici. Lo ha detto oggi nel corso di una videoconferenza stampa a cui hanno preso parte anche numerosi amministratori comunali e regionali dei territori piu' colpiti.

«Le norme di semplificazione della procedura per la ricostruzione privata stanno funzionando e c'è una crescita esponenziale- dice Legnini-. Ora spetta più ai progettisti, alle imprese e ai territori che non a noi. Abbiamo una potenza produttiva inaspettata fino a qualche tempo fa anche grazie all'autocertificazione. C'è poi un'opportunità storica per questi territori derivante dalla combinazione tra contributo ricostruzione e super bonus edilizio (110%). Sulla ricostruzione pubblica i cronoprogrammi inviati ai Comuni ci portano a dire che entro il 2021 dovrebbero aprire 624 cantieri pubblici. A questi poi si aggiungono quelli contemplati nelle ordinanze in deroga». Insomma c'è ancora tanto lavoro da fare, ma la ricostruzione del Centro Italia sembra aver finalmente cambiato passo. Anche se ci sono tanti Comuni interi da ricostruire. "Quando mi si dice che Amatrice e Arquata stanno ancora cosi', io dico 'certo che stanno ancora cosi''- conclude Legnini-. Quei territori avevano bisogno di uno strumento in piu', derogatorio ed eccezionale. Adesso ce l'abbiamo, prima non ce l'avevamo. Il conteggio del tempo inizia adesso".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terremoto, il commissario Legnini: «Entro il 2021 apriamo 624 cantieri pubblici»

AnconaToday è in caricamento