menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
il momento della consegna della donazione

il momento della consegna della donazione

L'insolita serata tra genitori e figli in favore di Croce Rossa: «Così aiutiamo i terremotati»

Un'iniziativa a favore delle zone terremotate, per comprare un defibrillatore, contribuendo ai progetti di stabilizzazione post emergenza promossi dall'area salute della Croce Rossa Marche

Genitori e figli insieme, in un’iniziativa a favore delle zone terremotate per dare un contributo ai progetti di stabilizzazione post emergenza promossi dall’area salute della Croce Rossa Marche. L’idea è nata da alcune mamme di Ancona che sentivano l’esigenza di conoscere i genitori degli amici dei dei propri figli, di quei 30 ragazzi che, ogni fine settimana, si ritrovano uniti nella movida dell’Ancona by night. E se dalla semplice conoscenza ci si mettesse insieme, giovani e adulti, per fare qualcosa di socialmente utile? E’ questa la domanda che si è posta una di quelle mamme. Interrogativo che non è rimasto dubbio, anzi è diventato azione. E così, sotto il periodo natalizio, è partito il tam tam su whatsapp con i ragazzi, tutti tra i 16 e i 17 anni, riuniti una volta tanto insieme ai propri genitori. Il gruppi ha così organizzato una tombolata al circolo Polifunzionali di Pietralacroce, dove i premi in palio erano oggetti personali donati dai presenti. Ad allietare l’insolita serata genitori-figli, c’erano varie cibarie: tutte acquistate dalle aziende in area cratere delle Marche. Alla fine sono state raccolte alcune centinaia di euro.

Soldi donati alla Croce Rossa Marche, quando alcuni giorni fa le famiglie doriche hanno incontrato gli operatori del soccorso in via del Commercio per contribuire ad un preciso progetto solidale che porterà all’acquisto di un defibrillatore. «Ci siamo intrattenuti circa un'oretta con i ragazzi e i genitori a parlare dell'emergenza terremoto e delle attività svolte dalla Croce Rossa sia nelle prima che nella seconda fase dell'emergenza - ha detto la delegata regionale dell'Area Salute Cri Alice Brisighelli - Abbiamo condiviso con il ruolo fondamentale svolto dai giovani cri a favore dei loro coetanei terremotati attraverso le attività ludico- ricreative e di supporto alle popolazioni colpite dal sisma». Insieme alla Brisighelli, e ai ragazzi naturalmente, c'era il delegato locale dell'area emergenza Cri Marche Stefano Sabatino, il consigliere regionale Cri Marche Gabriele Lani e il coordinatore della sala operativa regionale Cri Marche Andrea Giorgini. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rione Pinocchio, perché si chiama così? (La statua non c’entra)

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento