Cronaca

Terremoto Emilia: l’Anpas Marche prepara 1200 pasti per gli sfollati

Sono arrivati in Emilia i volontari delle 48 'Croci' marchigiane, che continuano a garantire assistenza alla popolazione. Il gruppo di protezione civile Anpas Marche è operativo in due campi di attendamento

Protezione Civile nel campo di Finale Emilia (archivio)

Sono arrivati in Emilia nelle prime ore dopo il sisma che ha scosso il modenese i volontari delle 48 'Croci' marchigiane, che continuano a garantire assistenza alla popolazione. Il gruppo di protezione civile Anpas Marche è operativo in due campi di attendamento, in provincia di Modena: quello della Regione Marche, che ospita circa 500 persone a Massa Finalese e quello dell'Anpas nazionale a Mirandola.
A Massa Finalese l'Anpas ha montato e gestisce una tensostruttura mensa, con cucina mobile (due autoarticolati): otto volontari sono addetti alla preparazione e distribuzione del cibo per gli ospiti del campo, per le persone sfollate che non risiedono al campo e per il personale di servizio: 500 pasti a pranzo e 700 a cena (oltre alla prima colazione).

Nella preparazione dei menù - informa un comunicato dell'Anpas - viene prestata particolare attenzione alle variabili alimentari per credo religioso e per intolleranze.
Da sabato 26 maggio i volontari di Anpas Marche sono presenti con quattro unità anche presso nel campo di Mirandola: rientreranno sabato 2 giugno, ed il loro posto sarà preso da altri volontari in partenza dalle Marche.

L'Anpas è inoltre in allerta per l'eventuale impiego dell'ospedale da campo della protezione civile regionale delle Marche, sia per l'eventuale allestimento di campi di attendamento per sfollati.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terremoto Emilia: l’Anpas Marche prepara 1200 pasti per gli sfollati

AnconaToday è in caricamento