Terremoto, una croce costruita con scale ed elmetti dei vigili del fuoco

I pompieri hanno legato delle scale ed appeso alcuni caschi. Così si è formata la croce posta alle spalle dell'altare, dove è stata celebrata la messa dal Mons. Giovanni D'Ercole

La croce dietro il vescovo di Ascoli Piceno, credit: (ap)

ARQUATA DEL TRONTO - Hanno legato due scale ed alcuni elmetti, formando una grande croce. Così i pompieri di Cuneo hanno creato la croce, posta dietro l'altare, durante la messa celebrata dal vescovo di Ascoli Piceno, Mons. Giovanni D'Ercole. La croce è composta da due scale italiane, legate da una manichetta. Nella parte superiore ci sono i caschi dei vigili del fuoco e della Protezione Civile, che a loro volta formano un'altra croce.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Coronavirus avanza, chiudono le scuole superiori nelle Marche: ordinanza di Acquaroli

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Nuovo Dpcm, chiusure delle attività commerciali per evitare il lockdown

  • Coronavirus nella scuola primaria, vanno in quarantena sette classi su nove

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento