Terremoto, le dighe hanno retto: nessun pericolo per la popolazione

Sono state controllate le dighe di Gerosa (AP), quella di San Ruffino, di Rio Canale e Castreccioni. Nessun problema anche per quella di Mercatale

Diga di Gerosa

Dopo il terribile terremoto che questa notte ha devastato interi paesi tra Marche, Lazio e Umbria, il Consorzio di Bonifica delle Marche ha proceduto al controllo della stabilità degli invasi artificiali, per verificare che non ci fossero danni o pericoli per le persone.

Sono state controllate le dighe di Gerosa (AP), quella di San Ruffino, di Rio Canale e Castreccioni. Nessun problema anche per quella di Mercatale. «Grande solidarietà alle popolazioni colpite da questo dramma - ha dichiarato il presidente del Consorzio di Bonifica, l'avvocato Claudio Netti - le nostre preghiere ora sono rivolte a loro. Da parte nostra, i tecnici del Consorzio hanno verificato che le strutture hanno retto perfettamente al sisma e al momento non ci sono pericoli. Ci mettiamo a disposizione per quanto possibile per aiutare le popolazioni bisognose e per integrare l'azione dei soccorsi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • Telefonata choc dal porto: «Aiuto, mi hanno stuprata in tre»

Torna su
AnconaToday è in caricamento