Cronaca

Terremoto, ci sono dei dispersi: 15 allevatori non rintracciabili

A parlare il sindaco di Arquata del Tronto. «Le famiglie mi hanno chiamato perché non riescono a contattarli, ho allertato i vigili del fuoco e la forestale»

«Siamo preoccupati per una quindicina di allevatori che erano andati a dar da mangiare al bestiame tra Spelonga e Colle di Arquata. Ora non sono rintracciabili». A dirlo è il Aleandro Petrucci, il sindaco di Arquata del Tronto all'AdnKronos. «Quando stavamo per dimenticarcene, perché da una decina di giorni non sentivamo più niente ed eravamo concentrati sull'emergenza neve, ecco un'altra mazzata. La situazione è disastrosa - ha continuato il sindaco - ad Arquata non c'è più nessuno; ogni scossa cade qualcosa, poi con la neve e la pioggia ormai il paese è ridotto a un cumulo di macerie. Per quanto riguarda gli allevatori speriamo sia solo un fatto di telefonia e non ci sia qualcosa di più grave. Per ora non abbiamo notizie. In quelle zone ci sono due metri di neve, speriamo di avere buone notizie al più presto».

AGGIORNAMENTO DELLE 12.55. Il sindaco ha confermato che dodici dei quindici allevatori dispersi sono stati rintracciati. Ancora dispersi tre di loro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terremoto, ci sono dei dispersi: 15 allevatori non rintracciabili

AnconaToday è in caricamento