rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Cronaca Centro storico / Via Villarey

Spunta un accampamento nel piazzale dell'Università, ragazzi protestano in tenda: «Meglio qui che in studentato»

La protesta andrà avanti per tutta la giornata. Tende, striscioni e messaggi alle istituzioni. Attenzione sull'emergenza abitativa ma non solo

ANCONA . Una ventina di studenti e due tende piazzate nel cortile interno della facoltà di Economia a Villarey. Un accampamento simbolico organizzato dal Gulliver - Udu Ancona per dire, con le parole affidate a un cartello, che: «si sta meglio in tenda che in studentato». Le esigenze abitative degli studenti fuori sede però sono solo uno dei problemi portati alla luce dai giovani manifestanti, che resteranno in presidio per tutta la giornata di oggi. Attenzione richiamata, infatti, anche sui sottofinanziamenti per le università a livello nazionale. L'iniziativa di protesta rientra in quella partita lo scorso 25 settembre a Roma su scala nazionale (si estende in 25 città italiane). 

«Se partiamo dal Pnrr vediamo una grande insufficienza- spiega Gianluca Ferri, studente di economia e coordinatore Gulliver-Udu Ancona- quest'anno nella nostra regione è tornata la figura dell' "idoneo non beneficiario", significa che uno studente eleggibile non può accedere alla borsa di studio per mancanza di fondi. Abbiamo 1500 persone quest'anno che, nel peggiore dei casi, dovranno rinunciare a frequentare l'università o comunque graverebbero enormemente sulle proprie famiglie». La questione alloggi è comunque particolarmente sentita. I ragazzi denunciano la mancanza di collegamenti tra l'ateneo e diverse zone di Ancona, ma anche una disparità nella messa a disposizione degli alloggi: troppi proprietari, denunciano, rendono disponibili le stanze esclusivamente per studentesse. 

«Ad Ancona con 500 posti aloggio abbiamo avuto oltre mille richiedenti (dati dello scorso anni, ndr) e la nostra paura è che la situazione possa andare a peggiorare- contnua Ferri- si parlava di un progetto per mille posti letto, ma non sarebbero comunque sufficienti. Spesso si relega lo studentato a mero dormitorio, mentre ci si dovrebbe vivere a tutti gli effetti. C'è poi il problema dei trasporti, collocare uno studentato in perfieria ha dei rischi. Con la crisi abitativa uno studente è costretto a cercare posti anche fuori città, questo implica che lo studente deve fruire del trasporto pubblico, ma c'è insufficienza di corse o totale assenza in alcuni orari della giornata». 

GUARDA IL VIDEO

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spunta un accampamento nel piazzale dell'Università, ragazzi protestano in tenda: «Meglio qui che in studentato»

AnconaToday è in caricamento