Cronaca

Falcomics: successo anche sul web, boom di contatti

La pagina Facebook ha registrato oltre 400 fan e 16.000 contatti. Condivise in tempo reale più di 200 foto, il sito ufficiale ha registrato oltre 2400 visite, e su Google, oltre 14.000 pagine web parlano dell'evento

Fonte: pagina Facebook di Falcomics

Falcomics è terminata ma l’eco della manifestazione non si è ancora spento nella mente dei partecipanti, né in tutti coloro che a tutt’oggi continuano ad inviare commenti e foto al nuovo sito ufficiale della manifestazione www.falcomics.it.

Nell’epoca dei social network il metro del successo passa anche dalla rete e il bilancio è più che positivo, evento raro in questi tempi di crisi. Tutti hanno potuto vedere la folla che si aggirava nelle piazze e tra gli stand, ma anche un fitto sottobosco di visitatori telematici ha lasciato le sue tracce. In pochi giorni la pagina Facebook della manifestazione ha registrato oltre 400 fan, raggiungendo fino a 16.000 contatti. Nei tre giorni di Falcomics sono state condivise in tempo reale più di 200 foto, il sito ufficiale ha registrato oltre 2400 visite, e su Google, complessivamente, oltre 14.000 pagine web parlano dell'evento “Falcomics 2012”.

“Tutto questo non sarebbe potuto accadere senza un grande lavoro di sinergia tra tutti gli organizzatori – spiega Graziella Santinelli, direttrice della Scuola Internazionale di Comics di Jesi, curatrice dell’evento – Il Comune e la Biblioteca di Falconara hanno offerto tutta la loro disponibilità e i loro spazi, mentre lo studio Tonidigrigio ha allestito e condotto una campagna di comunicazione in grado di raggiungere il pubblico più giovane che è un target importantissimo per questo tipo di manifestazioni. Un grande ringraziamento non può poi che andare anche alle associazioni “Il satiro” e “Arthur Conan Doyle” che con giochi da tavolo e giochi di ruolo dal vivo hanno animato tutte le giornate di Falcomics”.

Un grande successo ottenuto, tra l’altro, contenendo al massimo i costi, come spiega Massimo Pigliapoco, titolare insieme ad Alessandro Piccioni dello studio creativo Tonidigrigio. “La campagna di comunicazione è stata condotta principalmente in rete, attraverso i canali gratuiti messi a disposizione da Internet e dai social network. La stampa del materiale cartaceo è stata sostenuta da “Nonsolostampa” in qualità di partner tecnico e, insieme anche ai ragazzi delle associazioni dei giochi, abbiamo portato Falcomics nelle strade e sulle spiagge con eventi divertenti come lo sbarco dei pirati a Falconara”.

La soddisfazione è evidente anche in Comune per l’enorme contributo umano e intellettuale offerto dalla Scuola di Comics e da tutti coloro che hanno partecipato all’organizzazione. Centrati tutti gli obiettivi  prefissati: un taglio con il passato e fare un investimento sul futuro, così come vedere la piazza di nuovo gremita ed eletta a luogo di incontro e di divertimento.


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falcomics: successo anche sul web, boom di contatti

AnconaToday è in caricamento