Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca Corinaldo

Strage in discoteca, il bilancio si aggrava: «Gente che usciva con le gambe rotte»

Gli scampati della Lanterna Azzurra come reduci. Attimi, momenti che hanno fatto la differenza tra la vita e la morte

Strage in discoteca, il bilancio si aggrava: sono 6 morti, 13 feriti trasportati in codice rosso, 9 in codice giallo e 45 in codice verde.

«Mio figlio ha fatto tardi, non ha fatto in tempo ad entrare». Tra le tante testimonianze c’è anche quella di Maurizio, un padre appena tornato a casa dopo aver ripreso il figlio dalla Lanterna Azzurra di Corinaldo, teatro della tragedia prima del concerto di Sfera Ebbasta. Lo racconta in diretta telefonica a I Lunatici, trasmissione di Rai Radio 2 condotta ogni notte da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio. Maurizio riporta quanto gli ha raccontato il figlio, ancora sotto choc. «Mio figlio e i suoi amici sono stati fortunati perché il pullman che avevano preso per andare al concerto ha fatto tardi ed è arrivato poco prima della tragedia. Non hanno fatto neanche in tempo ad entrare». Secondo il ragazzo, lo spray urticante sarebbe stato spruzzato nel corso di una rissa all’interno del locale.

«Dice mio figlio – prosegue il racconto - che nel locale c'erano migliaia di persone, quando sono arrivato a prendere mio figlio e i suoi amici c'erano ancora dei ragazzi in giro per i campi che circondano la discoteca, spaventati. C'era una mamma che cercava la figlia perché c'erano anche ragazzine di 12, 13 anni accompagnate dai genitori. Mio figlio è sotto choc: vedeva gente uscire con le gambe rotte attorno al locale, che è in campagna, è tutto completamente buio».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strage in discoteca, il bilancio si aggrava: «Gente che usciva con le gambe rotte»

AnconaToday è in caricamento